Come riconoscere ed evitare una truffa PayPal

Scopri come riconoscere ed evitare una truffa PayPal. Segnali di avvertimento e strategie di prevenzione per mantenere sicuro il tuo account.

Quando effettuiamo un acquisto online ci chiediamo se l’eCommerce di riferimento supporti o meno il servizio PayPal, non è vero? Sinonimo di efficienza e versatilità, questo servizio di pagamento online ci permette di trasferire denaro senza possedere necessariamente un conto bancario o un numero di carta di credito.

Fondata ormai nel lontano 1998, PayPal è una piattaforma digitale che ti garantisce transazioni estremamente sicure, ma purtroppo non è completamente esclusa da problemi di sicurezza. Tantissimi malintenzionati informatici attuano una truffa PayPal per carpire i dati personali degli utenti o addirittura i loro soldi digitali. Oggi esamineremo come riconoscere ed evitare le potenziali truffe su PayPal. Per approfondimenti potrebbe tornarti utile la nostra guida su come funziona PayPal.

Indice

Quali sono le truffe PayPal più comuni

Come riconoscere ed evitare una truffa PayPal

Nel caso in cui incorressi in una truffa PayPal saresti vittima si un’azione fraudolenta da parte di una persona terza che ha lo scopo di ingannarti, inducendoti a versamenti su conti esteri o alla perdita di dati personali. Ma come funzionano le truffe su PayPal? Potresti imbatterti in diversi tipi di truffa su questa piattaforma, vediamo quelli principali.

  • Falsa fattura: la truffa delle fatture PayPal consiste nel ricevere un documento digitale oppure una richiesta di pagamento falso che sembra realmente provenire da PayPal. In realtà, sono i truffatori a inviarti un documento simile a quello originale per indurti ad effettuare pagamenti non autorizzati.
  • Password: un’altra tipologia di truffa è legata alle password, essa consiste nel ricevere un’e-mail o messaggio falso che ti induce a reimpostare la password di PayPal con un form simile a quello originale, ma che ha lo scopo di memorizzare i dati che inserisci.
  • Phishing: truffa con PayPal particolarmente ricorrente è legata al phishing di conferma dell’ordine. Anche in questo caso potresti ricevere un messaggio di posta elettronica in cui devi cliccare su un determinato link per confermare il tuo ordine. Per qualsiasi dubbio puoi inoltrare l’email alla casella postale phishing@paypal.com.
  • Indirizzo falso: se un malintenzionato applica la truffa per camuffare l’indirizzo di spedizione, invierà al venditore un indirizzo diverso dal tuo, veicolando la merce verso il luogo che preferisce.

Di seguito alcune guide dal sito ufficiale su proteggersi dalle truffe PayPal: Come riconoscere un sito o email PayPal falsi e come identificare email fraudolente.

Come evitare le truffe di phishing su PayPal

truffa PayPal

Per quanto le truffe PayPal appena elencate siano quelle principali, nel corso del tempo possono presentarsi nuove tecniche che hanno il medesimo scopo. Ma come puoi evitare di incorrere in una truffa su una piattaforma così conosciuta? Prima di tutto dovresti fare attenzione alle e-mail che ricevi quando arrivano da PayPal, verifica che siano legittime ed evita assolutamente di cliccare sui link al loro interno o di scaricare gli allegati (o almeno non aprirli). Se utilizzi il browser web e un sistema protetto, magari da VPN, puoi verificare se la connessione è sicura, cioè se l’URL ha la dicitura https:// invece di http://, la S sta per Security.

PayPal tra i suoi strumenti avanzati consente di attivare l’autenticazione a due fattori, un’ottima soluzione se desideri maggiore sicurezza. Sebbene possa sembrare noioso, controlla periodicamente la tua applicazione PayPal o il conto online tramite browser web, al fine di verificare se ci sono transazioni non autorizzate o addebiti imprevisti.

Per evitare le truffe legate soprattutto al phishing segnala a PayPal le e-mail sospette, in modo che nei giorni a seguire quel determinato indirizzo venga bloccato. Puoi farlo con qualsiasi provider di posta elettronica, da Gmail a Libero; ti basterà selezionare Aggiungi a posta indesiderata e subito dopo Segnala spam.

Affinché tu possa evitare le truffe via email, ti consigliamo di aggiornarti sulle tecniche di frode che vengono applicate dai truffatori. Puoi informarti sul nostro sito oppure consultare le sezioni dedicate sulla piattaforma PayPal.

Come chiedere rimborso a PayPal se sei stato truffato

truffa PayPal

Uno dei punti di forza di PayPal è la facilità con cui puoi recuperare i tuoi soldi in caso di truffa. Una truffa su pagamento PayPal è legata necessariamente a una transazione in uscita, condizione che viene monitorata in modo puntuale dalla piattaforma. Dobbiamo sottolineare però che il rimborso puoi chiederlo solo se hai effettuato un acquisto o inviato denaro con la protezione acquirenti e servizi, se invece hai inviato del denaro con la formula Invia denaro ad amici e parenti il rimborso è un po’ più complicato da ottenere.

Affinché tu possa richiedere formalmente il rimborso per una truffa a PayPal devi aprire una contestazione nel Centro risoluzioni. Complessivamente hai 180 giorni dalla data del pagamento per avviare una contestazione, e solo 20 giorni per convertirla in reclamo. Per eseguire questa operazione accedi al conto PayPal e seleziona la transazione da rimborsare, scrivi le motivazioni e apri la contestazione. Per maggiori informazioni ti invitiamo a leggere le nostre guide su come bloccare pagamento non autorizzato PayPal e come contattare PayPal per problemi sul conto.

Perché utilizzare un Password Manager

nordpass

Tra i metodi per evitare le truffe abbiamo accennato anche alla navigazione tramite VPN. Una Virtual Private Network ti consente di attivare diversi servizi utili per la sicurezza informatica. NordVPN per esempio, dispone di funzionalità come Meshnet, NordPass e Threat Protection, particolarmente utili per evitare phishing e accessi fraudolenti sul tuo dispositivo.

La soluzione ideale tra tutte le funzioni attivabili è sicuramente NordPass, eccellente per svincolarti dalle truffe PayPal. Questo servizio non è altro che un password manager che genera e memorizza le parole chiave complesse, incluse quelle di PayPal, garantendoti maggior sicurezza quando accedi all’account.

Ma perché chi usa quotidianamente PayPal si affida a un password manager, oltre a generare parole chiave difficili da decriptare?

  • Inserimento automatico
  • Legittimità del sito PayPal
  • Phishing
  • Archiviazione
  • Analisi password
  • Password casuali
  • Errori umani

Grazie all’inserimento automatico delle credenziali d’accesso, quando visiti il sito web PayPal, verrà riconosciuto come attendibile dal software e non rischierai di imbatterti in una piattaforma falsa. Ciò si traduce in una completa legittimità del sito e nell’impossibilità di riscontrare phishing e piattaforme di terze parti create per raggirarti.

Aziende e privati si affidano a un password manager anche per garantirsi uno spazio di archiviazione sicuro, infatti, tutti i dati che inserirai nel software sono crittografati e nessuno può accedervi tranne il proprietario del profilo. A ciò si aggiunge un’analisi efficace delle password, cioè il programma valuta se la parola chiave utilizzata su PayPal o altri siti è abbastanza complessa e funzionale a proteggerti in caso qualcuno voglia accedere al tuo account.

Inoltre, lo strumento può generare password casuali che ti permettono di ridurre notevolmente il rischio si accessi non autorizzati. Ultimo, ma non per importanza, è l’errore umano che può indurti a scrivere la password in un form di terze parti senza pensare, perdendo i tuoi dati di accesso. Un password manager automatizza l’inserimento della password ed evita di commettere errori banali in un momento di distrazione o stanchezza.

Un software di questo tipo, sia esso NordPass o altro, ti garantisce una maggiore sicurezza online con PayPal e tutte le pagine web su cui devi effettuare il Login. Per approfondimenti puoi dare un’occhiata alla nostra recensione di NordPass.

Proteggiti dalle truffe PayPal con NordPass

Altri articoli utili

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli