Le VPN sono legali?

Le VPN sono legali? Quando si dovrebbe evitare di usarle? Ecco una guida che chiarirà definitivamente se l’utilizzo della VPN in Italia è legale.

Influencer, creatori di contenuti e tantissimi utenti sul web sponsorizzano quotidianamente le VPN (Virtual Private Network). L’utilità di un software di questo tipo è innegabile, ma è lecito domandarsi: sono legali?

La possibilità di accedere senza problemi a server di altre nazioni per visualizzare contenuti Netflix, sportivi o di altro genere potrebbe confonderti, oggi daremo una risposta alla domanda: le VPN  sono illegali? Focalizzeremo l’attenzione sulle caratteristiche e sulle VPN legali a cui affidarsi.

Leggi anche: VPN gratuite vs VPN a pagamento

Indice

Le VPN sono legali? Quando si dovrebbe evitare di usarle?

Le VPN sono legali?

Se hai già letto il nostro articolo sulle VPN per l’Italia avrai notato che questo tipo di servizio ha lo scopo di nascondere l’indirizzo IP e di geolocalizzare il tuo dispositivo in qualsiasi Paese desideri, sempre che il servizio stesso disponga dei server in quella determinata nazione.

Nella gran parte dei casi utilizzare una VPN è legale, ma alcuni Stati applicano una politica di restrizione che rende questa tecnologia di fatto non accessibile. Si presentano dei veri e propri blocchi per chi cerca di attivare una connessione VPN, infrangendo le regole.

Nazioni in cui le VPN sono limitate o illegali

Se in Italia non abbiamo questo problema poiché le VPN sono completamente legali, sia quelle gratuite che a pagamento, è interessante analizzare quelli che sono i Paesi in cui si applicano restrizioni o addirittura le Virtual Private Network sono illegali. Le nazioni soggette a restrizioni o blocchi sono: Turchia, Russia, Cina, Corea del Nord, Bielorussia, Emirati Arabi, Egitto, Venezuela, Uganda e Iraq.

In Turchia le VPN sono parzialmente illegali, infatti, alcuni fornitori non sono proprio disponibili. Così come in Russia, dove la maggior parte dei servizi sono bloccati poiché non rispettano la legislazione statale. La Cina ha un firewall dedicato per bloccare le VPN, mentre in Corea del Nord è impossibile accedere a Internet, infatti, utilizzano la rete locale Kwangmyong.

Dal 2005 le VPN sono completamente illegali in Bielorussia, mentre negli Emirati Arabi è illegale solo per coloro che usano questa tecnologia in attività illegali. La stessa politica viene applicata in Egitto, dove però anche le applicazioni VoIP sono illegali.

In Venezuela sono presenti solo alcuni servizi VPN, mentre in Uganda questi sono legali, ma con qualche limitazione. In Iraq le Virtual Private Network sono totalmente illegali e chi le utilizza può essere punito severamente.

VPN illegali o limitate: quali sono le cause

Come puoi notare dall’elenco dei Paesi in cui le VPN sono limitate o illegali, le politiche nazionali sono particolarmente autoritarie, esse sfociano in molti casi in una vera e propria repressione verso la popolazione.

Le VPN vengono considerate illegali in questi Paesi poiché permettono l’accesso a contenuti sul web potenzialmente pericolosi per il regime autoritario. Durante un conflitto tra due nazioni, lo Stato autoritario potrebbe limitare gli accessi alla rete per ridurre lo scambio di informazioni.

Oltre al controllo delle informazioni, le VPN sono spesso illegali in queste nazioni poiché vengono utilizzate per attività illecite, come la pirateria. Tale comportamento è punito in tutto il mondo dato che vi è la necessità di salvaguardare i contenuti protetti da copyright.

Caratteristiche di una VPN sicura

Non tutte le VPN sono identiche tra loro, alcune ti consentono di accedere a funzioni specifiche per migliorare la latenza o lo streaming. Tecnologie come Meshnet o Threat Protection di NordVPN garantiscono una maggiore sicurezza e lo scambio di dati in modo rapido ed efficace. Ma quali sono le caratteristiche e le funzionalità aggiuntive che può garantire una VPN?

Tra le funzioni più interessanti figurano Double VPN e Onion Over VPN, elementi che hanno la capacità di instradare il traffico sfruttando un secondo server o una rete TOR. In questo modo si ottengono dei dati cifrati due volte, rendendoli di fatto molto più difficili da rintracciare.

Le VPN possono anche utilizzare server offuscati, cioè dei computer che oscurano al sistema l’utilizzo di una VPN, aggirando le limitazioni legate a questa tecnologia. Immagina un Paese in cui c’è un blocco parziale delle VPN, con un server offuscato non è possibile identificare l’impiego di una rete virtuale privata, rendendoti di fatto invisibile durante la navigazione sul web.

Una VPN di qualità dispone anche di funzioni No-Logs, cioè capaci di cancellare la cronologia della navigazione web e i dati della rete da cui stai accedendo. Ogni qualvolta ti collegherai alla VPN verranno cancellate le informazioni e le tue attività sul web. In questo caso però è difficile trovare la funzione No-Logs su una VPN gratis.

Caratteristica da tenere in considerazione quando scegli una VPN che deve collegarsi a un server in una nazione con restrizioni è l’identificazione utente IP/DNS. Questa funzione limita le perdite di dati quando sei su un sito web. Alcuni utenti, particolarmente scrupolosi, si affidano a un servizio con la funzione Kill Switch. Essa ha la capacità di bloccare tutti gli accessi a Internet senza perdere l’indirizzo IP tra utente e VPN quando cade la connessione.

Ulteriore parametro da considerare è l’assistenza clienti. Affidati sempre a un servizio che ti garantisce di contattare un operatore 24 ore su 24 ogni giorno. Saprà consigliarti l’approccio migliore per utilizzare al meglio la rete virtuale privata.

VPN: quale scegliere

Tra i software che possono garantirti una VPN legale e un accesso sicuro c’è NordVPN. Il servizio è a pagamento, ma ti consente di ottenere funzioni aggiuntive come Onion Over VPN, Double VPN, server offuscati e P2P, oltre a una compatibilità eccellente su Windows, MacOS, iOS, Android e Linux. Ottima anche la gestione delle estensioni per browser web se utilizzi quotidianamente Google Chrome e Microsoft Edge. Prova NordVPN gratuitamente con garanzia di rimborso di 30 giorni, 69% di sconto + 3 mesi extra.

Ottieni NordVPN ad un prezzo speciale

Altri articoli utili

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli