Come vedere il tempo di utilizzo delle app Android

Stai forse cercando come vedere il tempo di utilizzo del telefono Android? Ecco una guida per vedere le app più usate e come gestirle.

Ogni giorno utilizziamo smartphone, tablet e dispositivi Android per diverse ore, spesso riscontrando affaticamento visivo, mal di testa e soprattutto perdendo tantissimo tempo per altre attività più produttive. Sebbene i dispositivi elettronici siano uno strumento indispensabile per la vita di tutti i giorni, monitorare il loro tempo di impiego può esserti molto utile.

I sistemi operativi Android ti permettono di monitorare il tempo di utilizzo di ogni applicazione, dandoti una panoramica giornaliera di quante ore stai di fronte allo schermo del tuo dispositivo. Oggi, nello specifico, esamineremo come vedere il tempo di utilizzo Android, passando dalle App alle connessioni dati.

Indice

Come vedere il tempo di utilizzo delle App Android

Come vedere il tempo di utilizzo delle app Android

Il tuo smartphone Android ha diversi tool integrati che ti consentono di monitorare il tempo di utilizzo delle applicazioni installate, possiamo però identificare quelle principali in: Benessere digitale e controllo genitori, Analisi della durata della batteria e Connessione dati e WiFi.

Benessere digitale e controllo genitori

come vedere il tempo di utilizzo Android

Questo è lo strumento più utilizzato nei sistemi operativi Android, ti permette di avere un’analisi puntuale di tutte le applicazioni che hai avviato nel corso della giornata, con i rispettivi tempi di impiego. In realtà è presente anche nelle varianti per PC Windows e iPhone, ma non le approfondiremo in questa guida.

Per accedere alla sezione Benessere digitale sblocca lo schermo del tuo dispositivo e accedi a Impostazioni. Da qui scorri verso il basso e seleziona Benessere digitale e Controllo genitori (o parentale).

Subito puoi vedere subito le categorie più utilizzate oggi (ad esempio Social, Produttività e finanza, Audio, Video, ecc.). In basso trovi le applicazioni più utilizzate, Obiettivo tempo di utilizzo dello schermo per gestire i tempi e fissare dei limiti ed il Timer applicazioni per gestire quelle applicazioni che utilizzi di più.

benessere digitale

Molto comoda anche la sezione Controllo genitori, con Family Link di Google, per aggiungere restrizioni sui contenuti e impostare limitazioni per bilanciare i tempi d’uso dello schermo da parte del bambino.

Tappando sul grafico a istogrammi in alto a destra, si aprirà una pagina in cui potrai notare un grafico che ti mostra genericamente l’utilizzo delle App e il tempo medio giornaliero di utilizzo dello schermo.

Toccando una singola app  (ad esempio WhatsApp) vedrai non solo i suo utilizzo settimanale ma anche giornaliero con Timer applicazione, Impostazioni notifiche e sblocchi in totale.

controllo genitori

Il tool integrato però non si limita solo agli ultimi 7 giorni di monitoraggio, ma si estende anche alle settimane precedenti. Per verificare il tempo delle App ti basterà effettuare uno swipe da sinistra verso destra e visualizzerai il grafico della settimana precedente.

Come limitare l’uso delle app con Benessere digitale e controllo genitori

benessere digitale e controllo genitori

Dopo aver verificato quante ore trascorri di fronte al display o semplicemente quanto tempo ti intrattieni sui social network, senti la necessità di darti un freno? Allora puoi limitare l’utilizzo delle applicazioni scegliendole singolarmente. Per esempio, se desideri limitare TikTok perché ti fa sprecare troppo tempo, puoi farlo all’interno del tool Benessere digitale. 

Scorrendo la pagina verso il basso, nella sezione Timer applicazioni, tappa su Imposta Timer per l’app più utilizzata. Nella schermata seguente, oltre all’app selezionata, puoi aggiungere tutte le app di cui vuoi limitare l’uso e poi premi su Imposta timer . Specifica ore e minuti per ogni giorno della settimana ed il gioco è fatto.

Tornando in questa sezione, potrai disattivare queste impostazioni in qualsiasi momento.

Sebbene il sistema operativo Android sia la base da cui tantissimi produttori di smartphone partono, spesso questa viene modificata per ottimizzare il loro ecosistema. Per esempio, Samsung, Huawei, Xiaomi e tante altre aziende integrano Android come base per i loro sistemi operativi, ma cambiano alcune funzioni per personalizzarle.

Gestione Digitale

gestione digitale

Su un dispositivo Huawei non è presente lo strumento Benessere digitale e controllo parentale, ma si chiama Gestione digitale. Per accedervi tappa su Impostazioni e subito dopo su Gestione digitale e Inizia. Proprio come nella versione standard Android, anche Huawei integra nel suo tool il monitoraggio del tempo delle applicazioni e la personalizzazione dei limiti. In quest’ultimo caso però non è presente l’opzione Niente distrazioni, ma Limita App.

Lo stesso discorso vale per gli altri brand, come Xiaomi, OnePlus o Samsung, che aggiungono o rimuovono alcune funzionalità. Su dispositivi Samsung, lo strumento si chiama sempre Benessere digitale e controllo genitori, ma aggiunge: timer delle app, Modalità concentrazione e Modalità riposo.

Quindi, che tu abbia un dispositivo mobile Xiaomi, OnePlus o di un altro marchio, se ha un sistema operativo Android troverai all’interno delle Impostazioni la funzione Benessere digitale e controllo genitori, magari con una nomenclatura diversa e qualche funzione in più.

Per approfondimenti scopri le nostre guide su come bloccare le app su Android e come proteggere i bambini da Internet.

Analisi della durata della batteria

Analisi della durata della batteria

Oltre a Benessere digitale e controllo genitori, anche un altro strumento ti consente di dare uno sguardo al tempo di utilizzo delle applicazioni: Durata batteria. Un vero e proprio tool per la gestione attività Android con cui puoi visualizzare quanto consuma in termini energetici una determinata App, limitandone il funzionamento in background o disattivandola completamente.

Per dare uno sguardo a questo applicativo ti basterà accedere a Impostazioni e tappare sulla voce Batteria. Si aprirà una nuova schermata in cui è presente un grafico con l’andamento della scarica della batteria. Scorri la pagina fino alla sezione Uso batteria e subito sotto al grafico tocca una delle app che hanno fatto un uso della batteria elevato.

Ti verranno mostrati in ore e minuti i tempi di uso totale, l’uso delle risorse di sistema e le comunicazione Wireless. A fine pagina, puoi decidere di limitarne l’uso in background, attivando la voce: Limiti per l’uso in background.

Connessione dati e WiFi

uso connessione dati

Questo è un ulteriore metodo che ti permette di scoprire, oltre la percentuale di impiego, anche l’utilizzo dati Android, cioè quanti megabyte consuma o ha consumato per download e aggiornamenti.

Per accedere a questa sezione tappa su Impostazioni, Connessioni (o Rete mobile/Rete Internet) e premi sulla voce Utilizzo dati. Si aprirà una pagina con un grafico molto simile a quello già evidenziato in Benessere digitale, con i consumi giornalieri e settimanali della tua rete dati. Per scoprire singolarmente quanto consumano le App, tappa su Uso connessione dati oppure su Uso dati Wi-Fi. Proprio sotto il grafico vedrai le app più utilizzate in GB settimanalmente. Per ciascuna app oltre a visualizzarne i dettagli di utilizzo, puoi attivare/disattivare le voci: Consenti uso dati in background e Consenti uso dati con Risparmio dati attivato.

Come vedere il tempo di utilizzo Android con App di terze parti

Come vedere il tempo di utilizzo Android

Benessere digitale e controllo parentale, analisi della durata della batteria e analisi della connessione dati e WiFi sono strumenti molto utili già integrati in Android, ma se fossi alla ricerca di qualcosina di più potresti optare per applicazioni di terze parti. Le applicazioni che monitorano il tempo di utilizzo smartphone presenti sul Play Store sono veramente tante, quali scegliere?

App Usage

app usage

Tra le alternative più interessanti c’è sicuramente App Usage, che come puoi dedurre dal nome ha il compito di monitorare l’utilizzo delle applicazioni sul tuo dispositivo Android. Le funzionalità sono veramente tante, ma ecco quelle principali: cronologia d’impiego delle applicazioni, cronologia d’impiego dello smartphone, cronologia attività, storico delle notifiche e promemoria sull’uso eccessivo del dispositivo. Graficamente è particolarmente accattivante oltre che funzionale allo scopo di analisi del tempo.

Stay Free

Stay Free

I possessori di un dispositivo munito di sistema operativo Android si affidano anche a Stay Free per monitorare l’utilizzo del telefono in modo gratuito e preciso. Nello specifico l’App ti permette di visualizzare sia i minuti di impiego delle applicazioni che la loro percentuale. La sua funzione principale però è Limita utilizzo, con cui puoi scegliere le App che più di distraggono. Per farlo avvia l’App, premi su Menu e poi su Aggiungi limite di utilizzo.

Simple Time Tracker

Simple Time Tracker

L’app Simple Time Tracker è ottima per tracciare il tempo che spendi ogni giorno sulle applicazioni Android. Ha un’interfaccia intuitiva e a differenza delle soluzioni precedenti dispone di modalità notte, widget e soprattutto di backup utili a salvare le informazioni. La puoi scaricare dal Play Store gratuitamente.

Tempo di utilizzo + Limiti

Tempo di utilizzo + Limiti

Ultima app che ti consigliamo, ma non per importanza, è Tempo di utilizzo + Limiti. Ti consente di attivare tutte le funzioni già presenti in Benessere digitale, ma aggiunge anche uno strumento per conoscere quanti video visualizzi ogni giorno su YouTube e quanto hai videogiocato con il tuo smartphone.

Per saperne di più leggi anche: Come controllare il tempo di utilizzo di Facebook e limitarne l’uso

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli