Le migliori app salvavita

Sei in una strada deserta e hai paura di essere aggredito? Sei solo in casa e non ti senti più tanto al sicuro? Se non lo sai esistono app salvavita per smartphone che possono aiutarti in situazioni difficili e pericolose, e diventare il tuo angelo custode. Si tratta di applicazioni che intervengono in caso di bisogno lanciando un allarme per te in modo tempestivo attraverso la geolocalizzazione.

Purtroppo molte zone di città non sono sicure ed il miglior modo per evitare di cadere preda di un’aggressione è la prevenzione, quindi prenditi cinque minuti di tempo e continua a leggere, perché in questo articolo ti svelerò le migliori app salvavita per smartphone.

Queste applicazioni sono in grado non solo di fornire le coordinate GPS della tua posizione ad un amico o un parente ma consentono anche di chiamare i numeri di emergenza al volo.

Le migliori App salvavita

Una delle migliori app salvavita è senza dubbio Companion, l’app che non lascia mai soli.

Nata negli USA, l’app Companion è stata progettata da studenti universitari che spesso si trovano a dover passeggiare di notte in campus con strade deserte. Lo scopo di quest’app è quello di sfruttare la geolocalizzazione dello smartphone per farti seguire da un parente o amico durante il tuo percorso. In caso di problemi l’app salvavita avvertirà il tuo angelo custode che potrà dare l’allarme alla polizia o contattare qualsiasi altro soccorso tecnico necessario.

Companion è gratuita ma in lingua inglese. Dopo averla scaricata per Android e iOS, devi da subito eseguire una semplice configurazione indicando nazione di residenza, numero di telefono e dopo aver ricevuto l’SMS con codice di verifica aggiungilo all’intefaccia di Companion. Terminato il processo, Companion avrà la certezza che il numero appartenga effettivamente a te e ti chiederà di fornirgli alcuni dati personali come nome, sesso e via dicendo.

Companion

Al termine di questa breve introduzione, compare l’interfaccia di Google Maps. Al centro viene riportata la tua posizione con un cursore grigio che indica il punto di arrivo del tragitto da percorrere. Ti basta mettere il localizzatore su una via nelle vicinanze. Il selettore diventa verde e fa emergere il tasto Add Companions. Vieni quindi riportato alla rubrica telefonica dove puoi selezionare il contatto che desideri. Le coordinate GPS vengono immediatamente trasferite alla persona selezionata che potrà tenerti d’occhio vedendoti sulla mappa. In questo modo colui che ti segue nella mappa, in caso di pericolo, potrà chiamare le forze dell’ordine per tuo conto.

Sulla schermata di Companion compare anche un tasto gigante rosso con scritto Call Police. Per l’Italia il numero di emergenza predefinito è il 112.

Tra le impostazioni puoi mettere mano su due voci importanti che sono: Location Update Frequency e Trigger Sensitivity. La prima indica entro quanti secondi deve essere aggiornata la tua posizione (ti consiglio di impostare tra 2, 5, 7 o 10), la seconda invece gestisce la reattività dei sensori del telefono (ti consiglio di impostare il valore su Medium).

Un’altra app salvavita gratuita è Siamo Sicure! disponibile per Android e iOS. Questo tipo di applicazione nasce per proteggere le donne da malintenzionati e le sue quattro funzioni: Allarme e suoni, Chiamata di emergenza, SMS “Dove sono” e Decalogo: i comportamenti, raccolte in un’unica schermata sono perfette per tutte le situazioni di emergenza. 

Siamo Sicure

Allarme e suoni, è costituito da un tasto rosso in alto a sinistra e serve ad impostare un allarme molto forte e capace di spiazzare l’aggressore. In più, configurando l’accensione del flash della telecamera, regoli il telefono per riprodurre il segnale SOS in codice morse o per lampeggiare.

Chiamata di emergenza, è costituita da un tasto azzurro nella parte superiore destra e permette di inoltrare una telefonata ad un numero predefinito. In Italia il numero è quello dei Carabinieri: il 112.

SMS “Dove sono”, si attiva premendo il tasto arancione in basso a sinistra. Consente di inviare un messaggio di testo in cui viene riportata la tua posizione ad un numero scelto da te.

Decalogo: i comportamenti, è un piccolo vademecum per far fronte alle situazioni di emergenza. Puoi aprirlo prememndo il pulsante rosa in basso a destra.

Un’altra app salvavita è Protechtor di Spee, disponibile per Android e iOS. Si tratta di un’app a pagamento che richiede la sottoscrizione di un abbonamento annuale di circa 183 euro Iva esclusa, che applicando l’Iva diventano 223 euro (attenzione nell’abbonamento è incluso una sola chiamata d’emergenza con le funzioni SOS o Help). L’app si appoggia alle centrali europee Panopticon che offrono un supporto rapido e avanzato. In caso di emergenza, sarà la centrale stessa a rispondere alla chiamata. Le opzioni incluse in Protechtor sono: SOS, Help, Alert e Tracking.

Protechtor

Le prime due attivano la stazione Panopticon. SOS si utilizza in caso di problemi di sicurezza, mentre Help indica un malore o criticità a livello sanitario. La centrale si metterà in contatto con le persone di cui hai lasciato un recapito o con il servizio per l’emergenza medica 118. In entrambi i casi la tua posizione verrà registrata. Premendo uno dei due pulsanti, la fotocamera si attiva in automatico e invierà immagini e suoni alla stazione.

Alert è un sistema a tempo. Premendolo attiverai un timer della durata di 2 minuti. Se passano senza aver premuto il pulsante Stop, Protechtor lancia un SOS.

Tracking, infine, consente alla centrale di tenere sotto controllo i tuoi spostamenti e intervenire in caso di necessità.

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.