Come accedere e hackerare un profilo Facebook

Impossessarsi del nome utente e della password è il sistema migliore per entrarle nel profilo Facebook di una persona e spiarla in ogni momento. Se vuoi accedere e hackerare un profilo Facebook devi sapere che potresti incorrere in un reato contro la privacy, dato che rubare i dati di accesso e accedere senza permesso ai profili dei Social Network non è consentito. 

Questo perché violare e spiare un profilo Facebook ti consentirà non solo di appropriarti di informazioni riservate, ma anche di spacciarti per la persona che hai attaccato, inviando messaggi o pubblicando contenuti al suo posto. In pratica, si tratta di un vero e proprio furto d’identità, punito severamente dalla legge.

In questo articolo cercherò di svelarti, attraverso una serie di metodi e programmi come accedere ad un profilo Facebook, magari del tuo amico, senza conoscerne la password. 

come scoprire password facebook

Per scoprire come accedere e hackerare un profilo Facebook, entrando in possesso di username e password della vittima, esistono tre sistemi: il primo consiste nello scoprire i dati di accesso di un profilo Facebook, il secondo nel registrare tutto ciò che si scrive sulla tastiera e il terzo nello spiare lo smartphone della vittima.

Vediamo come hackerare Facebook ed entrare nel profilo Facebook del tuo amico senza conoscerne la Password.

La prima soluzione per accedere e hackerare un profilo Facebook è scoprire user e password della vittima accedendo al suo computer. La persona da spiare non deve essere un patito della privacy o perlomeno non deve essere un grande conoscente dei browser. Questo ti consentirà di consultare i dati contenuti nello storico del browser. Se il proprietario del profilo Facebook ha lasciato attiva la memorizzazione delle credenziali di accesso e non cancella i dati di navigazione a chiusura del programma, per te potrebbe essere un gioco da ragazzi. L’opzione memorizzazione di username e password è attiva per impostazione predefinita nella maggior parte dei browser e permette di risparmiare del tempo quando si è online e bisogna collegarsi ad un servizio.

Facebook Password Decryptor

Un programma gratuito che consente di passare in rassegna i dati memorizzati nel browser è Facebook Password Decryptor. Si tratta di un software che estrae tutte le credenziali di accesso riferite all’account da violare per mettere in chiaro user e password del profilo Facebook. In pratica attraverso la decodifica consente di scoprire la password di Facebook utilizzata con i browser. I browser supportati sono Google Chrome, Firefox, Internet Explorer, Safari, Opera Browser e via dicendo. 

Per scaricare Facebook Password Decryptor clicca sul pulsante verde Scaricare Gratuito e attendi il completamento del download del file facebook-password-decryptor.zip. Aprilo e cliccaci due volte per lanciare Setup_FacebookPasswordDecryptor.exe e avviare il processo di installazione. Nella finestra che si aprirà clicca sul pulsante Next e accetta le condizioni di utilizzo mettendo la spunta accanto alla voce I Accept the terms of the License Agreement. Clicca poi su Next per due volte e poi su Install. Infine su Next e poi su Finish per completare l’installazione del software. Attenzione durante l’installazione premi Rifiuta per non consentire l’installazione di software promozionali.

Conclusa l’installazione, avvia Facebook Password Decryptor e clicca sul tasto Start recovery per visualizzare le password di Facebook presenti nel tuo PC. Cliccando su Show Password puoi scoprire le password nascoste da asterischi.

facebook accedi senza password

Per difendersi da questo attacco la vittima dovrebbe disattivare l’opzione che salva i dati di accesso nel browser.

  • Su Mozilla Firefox occorre andare in Opzioni > Sicurezza e togliere la spunta a Ricorda i dati di accesso ai siti.
  • Su Google Chrome occorre andare in Impostazioni > Mostra impostazioni avanzate e togliere la spunta a Richiedi di salvare le tue password Web sotto il modulo Password e moduli.
  • Su Microsoft Edge occorre andare in Impostazioni > Visualizza impostazioni avanzate e sotto la funziona Offri la possibilità di salvare le password porre il selettore a Disattivato.

Un’altra soluzione per entrare nel profilo Facebook hackerandolo è attraverso software chiamati keylogger. I keylogger sono programmi facili da trovare e da utilizzare. Entrando in possesso del PC della vittima potrai accedere alla conversazioni, testi delle email, credenziali Facebook, dati di acquisto carta di credito e via dicendo. La portata dell’attacco è notevole e devastante, quindi molto pericolosa legalmente.

L’installazione di un keylogger può avvenire anche senza l’accesso fisico al PC. In questo caso l’hacker può trarre in inganno con email o messaggi fasulli per introdurre il software malevolo. Tra i keylogger più diffusi per spiare PC Windows c’è Revealer Keylogger Free. Un software gratuito capace di registrare l’elenco di tutti i programmi utilizzati sul PC e le parole digitate sulla tastiera del computer. Consente poi l’accesso ai conti online e ai social network come Facebook. Una volta installato, Revealer Keylogger Free presenta un’interfaccia molto intuitiva e non compare né nella barra delle applicazioni e né nella lista dei programmi.

Revelear Keylogger

Un altro keylogger che ti consiglio di provare è Spyrix Free Keylogger. Si tratta di un programma sempre gratuito in grado di registrare le frasi digitate sulla tastiera del PC, scattare screenshot dello schermo e memorizzare i programmi registrati. Dopo averlo scaricato da questa pagina clicca due volte sull’eseguibile sfk_setup.exe e nella finestra che appare clicca su Si, poi tre volte su Next e infine su Install e Finish per concludere il processo di installazione e avviarlo. All’avvio del programma inserisci la password per la protezione e avvia il monitoraggio del PC premendo Start e clicca su Hide per nasconderlo alla vista della vittima. 

Spyrix Free Keylogger

Quando riuscirai ad accedere nuovamente al PC della vittima richiama Spyrix premendo la combinazione di tasti CTRL+ALT+A  e visualizza gli elementi registrati e i dati di accesso al profilo Facebook.

SpyShelter l'anti keylogger

Per difendersi da questo attacco la vittima dovrebbe utilizzare un buon antivirus aggiornato. Eseguire scansioni antivirus mirate su documenti sospetti e installare anti-keylogger come SpyShelter e Zemana AntiLogger è il modo migliore per non cadere nel tranello dei file allegati via email o scaricati da siti Web.

Esistono altre soluzioni altrettanto pericolose che violano la privacy della vittima mettendone sotto controllo il telefono. Lo smartphone è un dispositivo mobile che non solo consente di utilizzare Facebook ma anche di custodire foto, video, messaggi, telefonate e così via. Le app spia che possono accedere a queste informazioni sono tante e molto pericolose.

L’installazione di queste app pericolose deve avvenire attraverso l’uso indebito dello smartphone per almeno cinque minuti. Questo è il tempo necessario per inoculare l’app spia, attivarla e mascherarla per renderla invisibile. A tal proposito esistono molte app messe in rete che dovrebbero spiare il telefono del malcapitato, ma il più delle volte si tratta di bufale. Le app che veramente funzionano sono sviluppate da aziende professionali come Mspy.

Mspy

Disponibile per dispositivi mobili e PC, si tratta di una delle migliori applicazioni per mettere sotto controllo qualunque device. Le sue funzionalità sono molte e tutte consentono di: visualizzare email, posizione GPS, SMS, chiamate, rubrica, accessi a Facebook. Il costo si aggira attorno ai 60 euro al mese o 170 euro l’anno. Sul sito ufficiale è possibile valutare la demo di Mspy.

Per difendersi da questo attacco la vittima dovrebbe evitare di memorizzare le credenziali di accesso sul dispositivo mobile, attivare l’opzione geolocalizzazione e sfruttare i servizi di ritrovamento del device in caso di furto o perdita accidentale.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *