Miglior operatore virtuale in Italia

Stai forse cercando il miglior operatore virtuale in Italia? Scopriamo qual è la differenza con gli operatori tradizionali e come passare ad un operatore mobile virtuale.

Sei stanco di spendere troppo con gli operatori telefonici tradizionali? Vuoi abbattere i costi del cellulare e avere ricariche low cost? Allora ti consiglio vivamente di passare con un operatore virtuale Full MVNO! Vuoi sapere cos’è un operatore virtuale? Se non ne hai mai sentito parlare, allora devi assolutamente continuare a leggere questo articolo perché ho intenzione di svelarti i migliori operatori mobili virtuali.

Indice

Informazioni preliminari sul miglior operatore virtuale

Qual ‘è la differenza tra un operatore virtuale ed un operatore tradizionale? Un Operatore virtuale detto anche Mobile Virtual Network Operator (MVNO) non possiede licenze e né infrastrutture di rete, ma si appoggia agli operatori tradizionali per acquistare da loro traffico dati e voce.

In questo modo non dovendo sostenere enormi costi di gestione, gli operatori virtuali riescono a proporsi sul mercato a prezzi molto convenienti.

I migliori operatori mobili virtuali

Quello che offrono gli operatori virtuali sono principalmente SIM ricaricabili. Niente abbonamenti vincolanti e quindi niente tassa di concessione governativa (5,16 euro al mese). Inoltre il credito del cliente viene scalato mensilmente.

Come passare ad un operatore virtuale di rete mobile

Passare ad un operatore virtuale conviene per coloro che vogliono risparmiare e che quindi hanno consumi limitati (sotto i 10 euro al mese) e magari vogliono anche chiamare all’estero. I virtuali, poi, riservano speciali vantaggi riguardanti ricariche punti per la spesa o ricariche telefoniche in cambio di punti spesa maturati.

I limiti di un operatore virtuale riguardano il fatto di non poter godere di uno smartphone incluso nell’abbonamento e i pochi GB offerti. Solo FastWeb, Tiscali e Noverca offrono molti GB di internet inclusi.

Tra i virtuali più famosi c’è Poste Mobile seguito da Fastweb. Entrambi presentano buone tariffe ma vantaggiose solo per chi è già un conto banco posta e per chi ha Fastweb in casa.

Per passare ad un operatore virtuale occorre andare presso un punto vendita fisico (negozio Coop, ufficio postale, negozio Fastweb, ecc.) oppure effettuare l’attivazione via Internet.

I migliori operatori mobili virtuali

I dati di attivazione comprendono un documento di identità, la propria SIM e il telefonino che usi abitualmente.

Puoi anche decidere di ricevere a domicilio la SIM, ma questo richiede la compilazione di un modulo con: numero di telefonino, seriale e tipologia della SIM e documento d’identità.

Il passaggio ad un operatore virtuale comporta un costo iniziale di attivazione e, in attesa che ti venga trasferito il vecchio numero, puoi usare la SIM del nuovo operatore con un numero temporaneo e attendere pochi giorni.

I migliori operatori mobili virtuali

Per quanto riguarda le tariffe, oltre ai virtuali già citati, i migliori operatori mobili virtuali sono: Mobile Fuel di Fastweb, ChiamaTutti500 di CoopVoce, Tiscali. Su rete Vodafone meritano di essere menzionati: Lycamobile e Daily Telecom, operatori etnici ed interessanti solo per chi telefona molto verso l’estero.

La qualità del servizio di un operatore mobile virtuale dipende non solo dalla rete utilizzata, che può essere Vodafone, Tim, 3 Italia o Wind, ma anche dall’abilitazione all’uso della rete 3G/4G. Molti operatori virtuali sono diventato Full MVNO e cioè completi. Significa che dall’operatore a cui si affidano prendono solo l’accesso alle antenne per gestire il resto in proprio. All’estremo ci sono i rivenditori (“reseller), che non hanno proprie SIM ma usano quelle di un altro operatore. Si differenziano solo per le tariffe.

Passare da un reseller all’operatore di cui quello è rivenditore, comporterà ad un cambio di tariffa e non di un cambio di operatore. Questo può essere un problema, perché le norme danno il diritto solo a un cambio operatore. Il cambio tariffa non è regolato e potrebbe essere negato. Per sfruttare la nuova tariffa, mantenendo il vecchio numero, sarai costretto a passare prima ad un altro operatore e ritornare poi a quello virtuale sottoscrivendo l’offerta virtuale e pagando quindi due volte l’attivazione delle SIM.

Lista dei migliori operatori telefonici virtuali italiani

I migliori operatori mobili virtuali

Di seguito una lista dei migliori operatori telefonici virtuali italiani e le reti di appoggio:

  • BT Mobile: Nato nel 2007 ha come rete di appoggio Telecom
  • CoopVoce: Nato nel 2007 ha come rete di appoggio Telecom
  • Carrefour UNO MobileNato nel 2007 ha come rete di appoggio Vodafone
  • PosteMobile: Nato nel 2007 ha come rete di appoggio Wind
  • Daily Telecom Mobile: Nato nel 2008 ha come rete di appoggio Vodafone
  • Fastweb Mobile:Nato nel 2008 ha come rete di appoggio TIM
  • ho.mobile: Nato nel 2017 ha come rete di appoggio Vodafone
  • Kena Mobile: Nato nel 2017 ha come rete di appoggio TIM
  • Tiscali Mobile:Nato nel 2009 ha come rete di appoggio Telecom
  • Lycamobile:Nato nel 2009 ha come rete di appoggio Vodafone
  • DIGI Mobil: Nato nel 2010 ha come rete di appoggio 3 Italia
  • Green Mobile: Nato nel 2011 ha come rete di appoggio Wind
  • Optima Mobile: Nato nel 2012 ha come rete di appoggio 3 Italia
  • Noitel Mobile: Nato nel 2012 ha come rete di appoggio Telecom
  • Samtel: Nato nel 2013 ha come rete di appoggio Telecom
  • Terrecablate Mobile:Nato nel 2013 ha come rete di appoggio Telecom
  • Rabona Mobile: Nato nel 2013 ha come rete di appoggio Telecom
  • A-Mobile, Bip Mobile e Noverca hanno chiuso il servizio di telefonia mobile.

Altri articoli utili

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli