Disdetta PosteMobile – Iter, moduli e costi

0 Condivisioni

Vuoi disdire un contratto stipulato con PosteMobile? In questa guida ti spiegheremo cosa fare, quale iter seguire e i moduli da spedire.

PosteMobile è la società di telefonia mobile del Gruppo Poste Italiane e si presenta con oltre 2 milioni di utenti. Per dare disdetta a PosteMobile dovrai dare un preavviso minimo di 60  giorni rispetto alla scadenza e scaricare il modulo di richiesta Cessazione del Contratto da questa pagina. Dopo averlo compilato e firmato dovrai inviarlo tramite Fax al numero gratuito 800.242.626 o tramite Raccomandata A/R al seguente indirizzo:

  • PosteMobile S.p.A.
  • Casella Postale 3000
  • 37138 Verona (VR)

Se hai un Ufficio Postale nelle vicinanze puoi anche compilarlo e consegnarlo direttamente recandoti lì.

PosteMobile

Oltre al modulo di richiesta di Cessazione del Contratto dovrai allegare anche una fotocopia del documento di identità fronte/retro e il codice fiscale.

Anche per la disdetta a PosteMobile, come per tutte le altre compagnie telefoniche, vale la tutela del Decreto Bersani del 2007, con la quale si è liberi di disdire in qualsiasi momento. Se però non si vuole cessare definitivamente la linea telefonica ma passare ad un altro operatore telefonico chiedendo di mantenere lo stesso numero telefonico, dovrai fare richiesta del codice migrazione al nuovo operatore telefonico chiedendone lo svolgimento della pratica. In questo caso non devi inviare nulla a PosteMobile.

Insieme alla portabilità del numero l’utente può specificare anche l’opzione TCR (Trasferimento Credito Residuo), barrando questa opzione la procedura di trasferimento sarà integralmente gestita dal nuovo operatore telefonico e l’utente non dovrà fare altro che aspettare l’accredito che dovrà avvenire entro tre giorni dall’avvenuto passaggio alla nuova rete.

​​I costi di disattivazione vanno pagati o no?

I costi di disattivazione secondo l’Agcom vanno chiaramente evidenziati dall’operatore telefonico nelle proposte commerciali, sul sito ufficiale e nelle condizioni generali di abbonamento al servizio. La loro entità varia da operatore a operatore e si va dai 20 euro agli 80-90 euro IVA inclusa.

Se l’utente dovesse rilevare difformità tra i costi pubblicati dall’operatore e quelli richiesti può inviare una lettera di diffida a mezzo raccomandata A/R per chiedere l’immediata emissione di una nota di credito.

Attenzione, però, perché molte volte le compagnie possono addebitare oltre ai contributi di disattivazione, anche ulteriori spese che possono riguardare: la gestione di apparecchi in comodato d’uso, sconti e promozioni concesse, per cui prima di comunicare il recesso dal contratto o migrazione verso altro operatore è bene informarsi sui costi che bisognerà sostenere.

Per vedere tutti i moduli messi a disposizione da PosteMobile ai propri clienti andate in questa pagina.

Disattivazione della SIM PosteMobile

Se deciderai di cambiare numero di telefono e abbandonare la SIM PosteMobile, il mancato accesso ai Servizi Semplifica per 12 mesi consecutivi, consente per ulteriore 30 giorni, di ricevere chiamate, SMS ed MMS. In prossimità della scadenza dei 30 giorni l’utente riceverà un SMS informativo. Trascorsi i 30 giorni, durante il quale non è stata fatta nessuna operazione di ricarica o di accesso ai Servizi Semplifica, la SIM verrà disattivata. Dopo la disattivazione si hanno a disposizione 10 anni per richiedere il traffico acquistato e non consumato.

Per maggiori approfondimento ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Abbonamento ai Servizi Mobili di PosteMobile.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.