Come guadagnare con le foto

Sei un appassionato di fotografia? Gli smartphone e le compatte digitali hanno reso il mondo della fotografia più accessibile anche ai fotografi amatoriali. Se hai scoperto di essere un bravo fotografo e pensi di avere la stoffa per far diventare la tua passione un vero e proprio mestiere, allora devi assolutamente continuare a leggere questo articolo, perché ti svelerò come guadagnare con le foto in pochi e semplici passaggi.

Come guadagnare con le foto

Se vuoi vendere foto, devi sapere che esiste un servizio chiamato Shutterstock che consente di caricare le fotografie da te scattate e ricevere compensi in base ai download effettuati sul sito.

I guadagni vanno a scaglioni, non sono altissimi, ma aumentano sul singolo download in percentuale ai soldi guadagnati. Guadagnare con le foto ed entrare nella community di Shutterstock non è affatto facile.

Shutterstock

Shutterstock è un sito molto selettivo e pretende di valutare prima almeno una decina dei tuoi lavori prima di farti diventare un contribuente ufficiale. Inoltre, anche una volta entrato, le tue foto prima di essere pubblicate, dovranno essere sottoposte all’attenzione dei gestori del portale e solo loro hanno la facoltà di decidere se accettarle o meno.

Se invece, hai bisogno di scaricare delle immagini per il tuo sito o blog, ti basterà sottoscrivere un abbonamento annuale o mensile e potrà riguardare 3, 4 o più utenti.

Come guadagnare con le foto

Per iniziare a guadagnare fotografando occorre iscriversi a Shutterstock, per farlo devi prima di tutto recarti nella sua pagina ufficiale e premere sul link in basso nel footer Diventa un collaboratore. Una volta cliccato, verrai reindirizzato verso una nuova pagina dove registrarti e creare un account cliccando su Create un account.

Diventa un collaborate di Shutterstock

Sullo schermo comparirà un form da compilare con email, password e con il nome che intenderai utilizzare all’interno del sito.

Per confermare la tua email, dovrai entrare nella tua posta elettronica e cliccare sul link che ti verrà inviato da Shutterstock. A questo punto ti verrà richiesto il tuo indirizzo e documento di identità. Il profilo non sarà validato fino a quando la community non accerterà la tua reale esistenza attraverso un tuo documento.

Per verificare la tua identità il portale ti avviserà che ci vorranno almeno 2-3 giorni lavorativi. Nel frattempo potrai caricare tranquillamente i tuoi scatti.

Gli elaborati vengono poi valutati molto attentamente, per questo motivo potrebbe passare qualche mesetto prima che tu venga accettato nella community di Shutterstock. Non ti rimane che sperare di essere preso per iniziare da subito a guadagnare con le foto.

Se stai cercando un’alternativa a Shutterstock puoi provare Fotolia. Si tratta di un’agenzia di microstock, un luogo di incontro tra venditori e compratori di foto in cui tutti possono ricoprire entrambi i ruoli.

Fotolia

All’interno di Fotolia puoi trovare foto di altissimo profilo, scattate o da professionisti del settore o anche da amatori molto esperti nel campo. Le immagini vengono poi vendute attraverso varie tipologie di abbonamento, mentre i fotografi ricevono un compenso in percentuale in base al numero dei download che il proprio scatto sta ricevendo.

I guadagni non sono grandissimi, ma nemmeno da buttare. L’idea di Fotolia consente ad artisti del settore e professionisti di guadagnare legalmente senza spendere ingenti somme per mettersi in mostra.

Insomma non ti rimane che iniziare a scattare fotografie indimenticabili.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *