Come funziona GPT Store, lo store di ChatGPT

Vuoi sapere come funziona GPT Store, lo store di ChatGPT? Ecco una guida completa su come usare e creare GPT sfruttando anche il GPT Team.

Avviare Google Play Store, App Store, App Gallery o Microsoft Store è diventata una consuetudine per chiunque desideri scaricare un software sul proprio smartphone, tablet o PC. Nel corso degli anni sempre più aziende hanno sviluppato applicativi utili per le attività quotidiane ed è la norma accedere al proprio Store e avviare un download.

Con il sempre crescente impiego di ChatGPT, la nota azienda OpenAI ha deciso di lanciare GPT Store, il suo negozio digitale dove puoi utilizzare non solo i plug-in, ma anche strumenti avanzati per migliorare l’esperienza con l’intelligenza artificiale. Per saperne di più ti consigliamo di leggere la nostra guida su come creare le chiavi API di ChatGPT.

Indice

Cos’è e come funziona GPT Store

Come funziona GPT Store

Diversi mesi fa l’azienda OpenAI ha lanciato il software denominato GPT Builder, grazie al quale qualsiasi utente può realizzare un bot o applicazioni personalizzati per ChatGPT.

Nel corso di questi mesi il numero di applicativi e bot è aumentato esponenzialmente e OpenAI ha sentito l’esigenza di raccoglierli e organizzarli al meglio all’interno di uno Store digitale.

Proprio come su App Store e Play Store, hai la possibilità di utilizzare delle applicazioni, aggiungendole come estensione alla chat di ChatGPT o integrandole con la piattaforma che le ha sviluppate. Per esempio, utilizzando l’applicativo di Canva su ChatGPT, potrai chiedere di generare un banner pubblicitario, che poi potrai modificare all’interno della stessa chat o sul sito web Canva.

Possiamo considerare GPT Store come un negozio digitale dell’intelligenza artificiale dove scoprire nuovi applicativi utili per lavoro, intrattenimento e tanto altro.

Il funzionamento però non è identico agli store che già conosciamo, infatti, solo chi è abbonato a ChatGPT Plus o Enterprice potrà accedervi.

Se hai già sottoscritto il piano in abbonamento ti basterà recarti alla pagina dedicata di ChatGPT Store e scegliere l’applicativo, bot o plug-in che desideri utilizzare.

Oltre a usufruire delle applicazioni sviluppate da altri utenti, puoi anche crearne delle tue e aggiungerle all’interno dello store di OpenAI, ottenendo un compenso. Attualmente però i compensi sono rivolti solo a coloro che risiedono in USA, ma nei prossimi mesi il servizio si estenderà anche in Europa e in altri continenti.

Nel momento in cui accedi allo Store di ChatGPT potrai interagirci in modo semplice e veloce, poiché OpenAI ha suddiviso il negozio digitale in categorie. Nella parte alta c’è la barra di ricerca con cui puoi trovare le applicazioni che preferisci, mentre scorrendo verso il basso sono presenti le categorie più richieste, come i bot più utilizzati, quelli per disegnare, per studiare, per cucinare e tanto altro. Ti basterà cliccarci sopra e si avvierà una nuova chat, in cui potrai scrivere ciò che desideri. Per esempio, se utilizzassi la chat di Canva potresti chiedere all’AI di creare un banner in cui c’è scritta una determinata frase, il bot in pochi secondi genererà l’immagine e potrai salvarla.

Come usare e creare GPT

Come usare GPT Store

Ti abbiamo anticipato che ChatGPT ti permette non solo di usare dei GPT, cioè gli applicativi creati da aziende o altri utenti, ma anche di svilupparne dei tuoi. Affinché tu possa farlo accedi al tuo account ChatGPT e clicca sull’opzione Explore GPTs oppure clicca qui. Si aprirà una pagina con un menu di ricerca attraverso il quale puoi trovare GPT e plug-in. Abbiamo già visto come con l’esempio di Canva. Avviando il GPT si aprirà la finestra in cui potrai scrivere, ma non tutte le applicazioni hanno impostata la lingua italiana di default, quindi, i consigliamo di inserire inizialmente nella chat il testo: possiamo scrivere in italiano?

Usare GPT è veramente molto semplice, crearli potrebbe costare un po’ di fatica in più. Se desideri farlo accedi al tuo account ChatGPT e seleziona anche in questo caso l’opzione Explore GPTs. Subito dopo vedrai nella barra laterale a destra la voce + Create, cliccaci sopra (per fare prima puoi cliccare qui).

A differenza dei tradizionali software di programmazione, in cui sei tu a dover scrivere il codice, qui dovrai interagire con ChatGPT e chiedergli cosa vorresti fare. Per esempio, se hai bisogno di un applicativo per creare la lista della spesa, allora scrivi qualcosa come “crea un assistente in grado di generare la lista della spesa“. Dato il comando iniziale, potrai poi continuare a interagire con la chat per migliorare il GPT e renderlo conforme alle tue aspettative. Nella barra sinistra della chat potrai cliccare su Anteprima per capire come verrà il tuo GPT.

Completate tutte le richieste all’intelligenza artificiale potrai passare alla schermata Configure, per impostare un nome e una descrizione al tuo progetto. Inserite le informazioni clicca sulla voce Save, posta in alto a destra, e verifica che il GPT sia disponibile per il pubblico che preferisci, infatti, potrai scegliere tra: pubblico, solo me e chiunque abbia un link. Definita la destinazione del GPT clicca su Conferma ed hai finito.

A questo punto il tuo GPT è pronto per essere utilizzato anche da altri, se hai impostato pubblico. Puoi cercarlo nella barra di ricerca oppure cliccando prima su Explore GPTs e poi su My GPTs.

Quali sono i costi di GPT Store

chatgpt plus

La facilità con cui può essere usato ChatGPT o il suo store ha indotto più di 3 milioni di persone a sperimentare tale soluzione, ma quanto costa e quanto è possibile guadagnare con GPT di qualità?

Come ti abbiamo anticipato, GPT Store può essere utilizzato solo da coloro che hanno il piano in abbonamento ChatGPT Plus o Enterprice. Il servizio è disponibile anche in Italia e ha un costo di 20 dollari al mese. Ti anticipiamo però che non tutti gli account sono già compatibili con il servizio, OpenAI potrebbe sbloccarlo gradualmente per tutti nelle prossime settimane; quindi, se non riesci ancora a visualizzare la sezione Explore GPTs, è solo questione di tempo.

Per quanto concerne la remunerazione, OpenAI ha dichiarato che il pagamento cambierà in base agli utenti che il GPT riuscirà a coinvolgere. Più il tuo applicativo con intelligenza artificiale sarà scaricato dagli utenti e più guadagnerai da esso.

OpenAI lancia anche GPT Team

Come creare un GPT

Il 2024 è iniziato non solo con GPT Store per OpenAI, ma anche con GPT Team, un abbonamento supplementare che permette ai team di lavorare molto meglio. Infatti, puoi creare una squadra di lavoro, con massimo 150 elementi, capace di interagire non solo con le funzioni del piano Enterprise, come DALL-E 3, GPT-4 e la gestione dei dati, ma avrai la possibilità di creare GPT personalizzati per chi lavora in team.

Il servizio GPT Team ha un costo che parte da 25 dollari al mese per tutti gli utenti che richiedono la fatturazione annuale, mentre per coloro che vogliono pagare mensilmente il costo è di 30 dollari.

Sebbene possa sembrare uno strumento superfluo per gli sviluppatori freelance, le aziende possono trarne tantissimi benefici. Immagina di voler creare un nuovo GPT e di interagire con la chat mentre un tuo collega sta lavorando allo stesso progetto. Con GPT Team si possono ottimizzare le interazioni e rendere tutto più veloce e meno confusionario. Tale soluzione è consigliabile a tutti coloro che desiderano creare app IA ed hanno diversi dipendenti in squadra.

L’incidenza per privati e aziende

gpt team come funziona

L’evoluzione di GPTStore segna un punto di svolta nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale, grazie a tale strumento si possono non solo generare delle applicazioni innovative, ma anche soluzioni che richiederebbero un tempo di programmazione usualmente molto ampio.

Sia i liberi professionisti che le grandi aziende con un investimento mensile non troppo alto possono creare GPT utili a tantissime persone, personalizzandole per assecondare le esigenze del target di riferimento.

Sebbene una tecnologia di questo genere sia potenzialmente una svolta storica, l’Italia attualmente non è tra le candidate a ricevere compensi dai GPT. Infatti, solo in USA gli sviluppatori stanno già usufruendo dei compensi dei loro lavori, mentre nel nostro Paese dovremo attendere qualche mese.

Altri articoli utili

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli