Come cambiare la password di Linkedin

0 Condivisioni

Hai bisogno di cambiare la password di Linkedin, il social network per professionisti e lavoratori, ma non sai come fare? Hai ricevuto un’email dal team di Linkedin su un potenziale rischio di violazione del tuo account e vuoi tutelarti cambiando la password di accesso? Bene, rilassati e prenditi cinque minuti del tuo tempo, perché in pochi e semplici passaggi ti spiegherò come cambiare la password di Linkedin.

Come cambiare la password di Linkedin

Per mantenere la sicurezza delle informazioni del tuo account è preferibile reimpostare la password su Linkedin evitando di utilizzare sempre la stessa password su più siti Internet. La soluzione migliore è diversificare le password che utilizzi avvalendoti anche di un software per custodire le password.

Ricorda poi di non usare mai password troppo corte, cercando password di almento 8/10 caratteri, e di includere numeri, maiuscole e caratteri speciali (trattini, chiocciola, punti esclamativi, ecc.).

Per cambiare la password su Linkedin devi:

  • Collegarti al sito Web di Linkedin
  • Vicino al campo della password (in alto) clicca sul link “Hai dimenticato la Password?
  • Nella finestra “Cambia la tua password“, inserisci il tuo indirizzo Email e premi su Continua.
  • Riceverai un’email da Linkedin con la richiesta di cliccare su un link per reimpostare la tua password.
  • Nella finestra “Scegli una password nuova” digita due volte la stessa password e conferma cliccando su Continua
  • Riceverai la conferma di avvenuto cambiamento della password.
0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.