Arriva WeChat e WhatsApp trema

0 Condivisioni

Disponibile in Italia da pochi giorni, WeChat, l’instant messaging sviluppata dal colosso cinese Tencent è pronta a spodestare la popolarità e la supremazia di WhatsApp.

L’applicazione è utilizzabile su Android, iOs, Windows Phone, BlackBerry, Symbian e addirittura via browser. Tra le funzionalità, oltre alle funzioni di instant messaging ci sono anche, chat di gruppo fino a 40 utenti, geolocalizzazione per contattare persone nelle vicinanze, l’invio e la ricezione di messaggi di testo, vocali, immagini, video.

Messi e WeChat

Inoltre fattore da non trascurare è gratis e non ha banner pubblicitari a differenza di WhatsApp che chiede 89 centesimi l’anno.

Attualmente WeChat supera i 70 milioni di utenti e grazie alla massiva pubblicità sulle tv italiane con uno spot che vede protagonista il calciatore del Barcellona Lionel Messi è diventata l’app più scaricata degli ultimi mesi.

WeChat screenshot

Ma qual è la differenza con WhatsApp?

Innanzitutto la presenza di una bacheca chiamata Momenti in cui è possibile postare foto, la possibilità di chiamate vocali e la funzione Cerca nei dintorni per trovare persone nelle vicinanze che usano WeChat.

L’app oltre ad essere molto diffusa in Cina si sta diffondendo a macchia d’olio in tantissimi altri Paesi facendo registrare alla Tencent Holding Limited (società produttrice) cifre d’affari di 2 miliardi e 161 milioni di dollari.

Voi cosa ne pensate? Avete già provato WeChat?

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.