XP Mode: la macchina virtuale che emula Windows XP

0 Condivisioni

Windows XP, uno dei sistemi operativi più longevi della storia, è stato bloccato l’8 aprile 2014 da Microsoft. Questo significa che la nostra copia continuerà a funzionare ma mancheranno aggiornamenti per la sicurezza, patch per la stabilità, correzione dei problemi e tutto quello che ha a che fare con Windows Update nel mantenere il sistema al passo con i tempi.

In sostanza per Microsoft Windows XP è troppo obsoleto per continuare a mantenerlo aggiornato.

XP Mode emula Windows XP

Se abbiamo programmi che funzionano solo con Windows XP possiamo usare XP Mode:una macchina virtuale che emula il vecchio sistema.

XP mode permette di eseguire Windows XP all’interno di Windows 7. I componenti necessari sono due: XP mode scaricabile da http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=8002 e Windows Virtual Pc che troviamo qui http://www.microsoft.com/it-IT/download/details.aspx?id=3702.

Installiamo prima Windows Virtual Pc (X86 se usiamo un sistema operativo a 32 bit) e dopo installiamo Windows XP Mode.

Completata la procedura ci potrebbe venire richiesto l’aggiornamento di Windows 7. Eseguiamolo e avviamo Windows XP con la nostra macchina virtuale andando su Start > Programmi > Windows Virtual Pc > Windows XP Mode.

Nel 2017 Microsoft terminerà il supporto per Windows Vista mentre Windows 7 continuerà fino al 2020.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.