Scopri la canzone in vetta alle classifiche il giorno della tua nascita

0 Condivisioni
 

Sei un grande appassionato di musica e di hit parade? Se sì, ti consiglio di dare un’occhiata a Playback.fm, un sito che consente di scoprire quale canzone era in vetta alle classifiche il giorno della tua nascita.

Segui Informarea su Telegram

Si tratta di un’app Birthday Song creata dal texano Jeff Callahan e basata su Billboard Hot 100, la raccolta di tutti i singoli dell’industria discografica americana pubblicata settimanalmente dalla rivista Billboard.

Playback

Tutto quello che devi fare è entrare nel sito di Playback.fm e andare alla pagina “#1 On Your B-Day“. Qui devi inserire mese, giorno, anno di nascita e cliccare sul pulsante Find #1 Song. Subito il sito ti dirà quale canzone era in vetta alle Hit Parade in quel giorno e te la farà ascoltare attraverso il video YouTube della canzone. Puoi inoltre cliccare in basso, sul pulsante delle Top canzoni dell’anno in cui sei nato per vedere in ordine tutte le hit e ascoltarle.

Playback ti consente di scegliere i giorni che vuoi, a partire dal 1 gennaio 1900 ad oggi. Ad esempio, vuoi sapere quale era il brano più ascoltato il 1 novembre del 1969? Facile Suspicious Mind di Elvis Presley. Insomma un’applicazione piacevole e curiosa contenente un database di notevoli dimensioni con tante altre sezioni come: le Classic Hit Radio e le Top 100 Song di tutti gli anni.

Da provare.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.