Come risolvere l’errore Ripristina Active Desktop

Avete cambiato lo sfondo del desktop o avuto un errore imprevisto di sistema e riavviando PC il desktop del sistema operativo Windows presenta una schermata bianca di Active Desktop Recovery? Niente paura il problema è risolvibile.

Active Desktop Recovery

Di solito il sistema in questo caso spiega cosa è accaduto dando dei suggerimenti: “Errore imprevisto. Per motivi di sicurezza l’Active Desktop è stato disattivato. Per ripristinarlo, seguire i suggerimenti riportati di seguito“, e chiedendovi di cliccare sul pulsante “Ripristina Active Desktop” per ridarvi lo sfondo di Windows.

Spesso però cliccando sul pulsante il problema non viene risolto, anzi potreste ottenere un messaggio di errore nello script della pagina che non porta a nulla di buono.

Cosa fare allora?

Una soluzione in realtà esiste per far ritornare lo sfondo di Windows, ed è quella di intervenire nel Registro di Configurazione.

DeskHTMLVersion con Regedit

I passaggi sono i seguenti:

  • Cliccate su Start > Esegui (WIN+R)
  • Digitate Regedit
  • Cercate il seguente percorso:  HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Internet Explorer\Desktop\SafeMode\Components
  • Cambiate il valore di DeskHtmlVersion cliccandoci sopra e sostituendo il numero presente in Dati Valore con 0
  • Cliccate su OK
  • Riavviate il Computer.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *