Come non salvare le foto che ricevi su WhatsApp

Sei iscritto a diversi gruppi WhatsApp e ricevi spesso foto osé che non vuoi mostrare nella Galleria del telefonino? La tua fidanzata o tua moglie sfoglia spesso la tua Galleria di foto e vorresti evitare di trovarti in situazioni imbarazzanti? Ti consiglio di correre ai ripari e di censurare le foto che ricevi su WhatsApp evitando figuracce o ancora peggio una brutta scenata dal tuo partner.

Continua a leggere e ti svelerò in pochi e semplici passaggi come non salvare le foto che ricevi su WhatsApp nascondendo la cartella che le contiene.

Es Gestore File

Il primo passo da fare su Android è installare un file manager come ES Gestore File. Vai in SD Card > WhatsApp > Media e rinomina la cartella WhatsApp Images aggiungendo un punto avanti al nome (.WhatsApp Images).

Così facendo, se tieni premuto ,all’interno di una sessione di chat, sul pulsante della fotocamera per accedere alla Galleria del telefonino, noterai che le foto di WhatsApp non appariranno più e potrai dormire sogni tranquilli.

In caso contrario vai in Impostazioni > App e svuota la cache dell’app Foto.

Se invece hai un dispositivo mobile iOS, per esempio un iPhone, per Come non salvare le foto che ricevi su WhatsApp, non devi fare altro che andare in Impostazioni > Privacy > Foto e disabilitare WhatsApp.

Da quel momento in poi ogni foto che riceverai non verrà salvata nel tuo dispositivo mobile.

Come ripristinare il salvataggio delle foto WhatsApp sul telefono o scheda sd

Per ripristinare la situazione iniziale e salvare le foto WhatsApp sul tuo dispositivo mobile devi prima di tutto togliere il punto alla cartella WhatsApp Images e se questo non risolve, aprire ES Gestore File cliccare in alto sull’icona con le tre linee orizzontali, accanto al simbolo dell’Homepage e attivare l’opzione Mostra file nascosti.

Mostra file nascosti

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *