Come spiare conversazioni WhatsApp gratis

Come spiare WhatsApp, come spiare conversazioni WhatsApp e quali sono le applicazioni per spiare WhatsApp gratis.

Spiare WhatsApp è illegale e ti consiglio di evitare di incappare in sanzioni per violazione della privacy, reato che potrebbe avere risvolti amministrativi e penali molto pesanti nel caso in cui si venga a creare un danno ad un’altra persona utilizzando i suoi dati personali. Detto questo, lo scopo di questo articolo è puramente didattico e non mi assumo alcuna responsabilità circa l’utilizzo che farai delle informazioni riportate di seguito.

Molte applicazioni come WhatsApp con la loro crittografia end-to-end assicurano agli utenti la sicurezza nelle loro conversazioni, garantendone privacy e protezione dalle intrusioni. Eppure esistono molti modi per il malintenzionato di spiare conversazioni WhatsApp gratis.

Come spiare conversazioni WhatsApp con smartphone

Se vuoi scoprire come intercettare messaggi Whatsapp, continua a leggere e mettiti comodo, al termine della lettura capirai le tecniche che gli spioni di WhatsApp utilizzano quotidianamente e soprattutto quali sono i metodi per spiare WhatsApp.

COME SPIARE CONVERSAZIONI WHATSAPP CON LE APPLICAZIONI SPIA

Esistono una serie di applicazioni spia che il malintenzionato potrebbe installare sul tuo telefonino, in un attimo di distrazione, per intercettare le tue conversazioni. Tra le tante quelle da menzionare sono:

  1. Mspy: è un’applicazione che consente di spiare le conversazioni di WhatsApp gratis controllando le chat e accedendo alle informazioni dal pannello do controllo e monitorando WhatsApp su un altro dispositivo iOS.
  2. WhatsAgent: permette di visualizzare la durata delle tue permanenze online, l’ultimo spegnimento del dispositivo mobile ed il numero di disconnessioni. L’app fornisce notifiche non appena il contatto tornerà online.
  3. Cerberus (Android): creata come antifurto, può essere utilizzata soltanto se il cellulare ha i permessi di root. In caso contrario installerà un apposito tool per ottenerli. L’app è invisibile e non comparirà insieme alle altre. Consente di spiare conversazioni WhatsApp su smartphone e cattura da remoto screenshot della chat con i messaggi scambiati. Gli screenshot vengono inviati via email all’indirizzo di posta specificato nell’app.
  4. iKeyMonitor: funziona su device sbloccati tramite root o jailbreak. Utile in caso di smarrimento o furto, quest’app funziona invisibilmente, in remoto spie sui dintorni, chiamate, appunti, messaggi vocali, foto, Video, SMS, GPS, chat, siti web, tasti, schermate, blocchi app e giochi e Limita il tempo dello schermo.

COME SPIARE CONVERSAZIONI WHATSAPP DA UN ALTRO SMARTPHONE

Le applicazioni spia non sono l’unico modo per spiare WhatsApp gratis, un’altra soluzione è quella di aprire WhatsApp Web non sul PC ma su dispositivo mobile Android. In pratica gli basterà cercare con Google Chrome il termine “WhatsApp Web” ed impostare la modalità di navigazione desktop (disponibile cliccando sui tre puntini in alto e scegliendo la voce Richiedi sito Desktop).

Subito dopo occorrerà aprire web.whatsapp.com ed attendere il momento giusto per avere accesso al telefono della vittima per avviare WhatsApp e attivare WhatsApp Web. Dopo aver effettuato la scansione del QR Code con il proprio cellulare, il malintenzionato potrà accedere e scoprire  le conversazioni di WhatsApp della vittima.

Attenzione WhatsApp e WhatsApp Web per computer funzionano anche se PC e smartphone non sono collegati alla stessa rete Wi-Fi. Quindi se lo smartphone è connesso ad Internet, tramite connessione dati 3G/4G, ed è lontano dal PC, è possibile continuare ad accedere a WhatsApp sul PC per catturare tutte le conversazioni dal telefonino.

COME SPIARE CONVERSAZIONI WHATSAPP CON IL MAC SPOOFING

Un altro metodo per spiare le chat di WhatsApp è quello del MAC Spoofing Whatsapp. Si tratta di spiare Whatsapp con Mac Address: una procedura non semplice che consiste nell’emulare il MAC Address (codice di 12 cifre che identifica la scheda di rete dei dispositivi connessi a Internet) di un telefonino Android o di un iPhone per gestire l’account di un altro numero e spiare WhatsApp fino a quando il dispositivo non verrà riavviato. In pratica il malintenzionato dovrà clonare il MAC address del telefono della vittima.

Ripeto non è una procedura semplice, occorre installare app che consentono di cambiare il MAC address e scoprire quello della vittima per impostarlo sul proprio smartphone, installare WhatsApp ed attivarlo utilizzando il numero della persona che stai spiando. Esempi di MAC Spoofing sono: BusyBox e Mac Address Ghost per Android e SpoofMAC per iPhone.

COME SCOPRIRE SE IL PROPRIO CELLULARE E’ SPIATO

Se sospetti che qualcuno abbia installato un’applicazione spia nel tuo telefonino, puoi verificarlo attraverso dei semplici passaggi. Poiché molte di queste app funzionano solo se il telefono è rootato, un primo controllo che puoi fare è proprio quello di verificare se anche il tuo lo è.

Per verificare se il telefonino è stato rootato puoi usare l’app Root Checker scaricabile gratuitamente da Google Play.

Un’altra soluzione per scoprire se il tuo smartphone è spiato, è attraverso l’uso di un’app in grado di rilevare la presenza di app spia sul proprio device. Una delle migliori è Free Spyware & Malware Remover, capace di intercettare i software spia più diffusi come mSpy, Cell Phone Tracker, HelloSpy, mCouple, HighsterMobile.

Se ancora sei convinto di essere spiato, puoi provare queste altre due soluzioni:

  • Apri il browser del tuo dispositivo mobile (Chrome, Internet Explorer, Mozilla Firefox o Safari) vai su Internet e collegati agli indirizzi localhost:8888 e localhost:4444.
  • Apri l’app per comporre un numero di telefono sul tuo device Android o iOS e digita il codice *12345.

Se nessuna delle soluzioni proposte ha risolto i tuoi dubbi non ti rimane che formattare il tuo telefonino resettandolo alle impostazioni di fabbrica.

COME PROTEGGERSI DAI MALINTENZIONATI CON REGOLE ANTI-SPIA

  • Evita di connetterti alla reti Wi-Fi pubbliche o reti senza protezione e provvedi a cambiare ogni tanto la password della rete Wi-Fi di casa.
  • Nascondi l’orario di ultimo accesso a WhatsApp seguendo queste istruzioni: Impostazioni > Account > Privacy > Ultimo accesso > Nessuno.
  • Elimina la notifica di lettura delle conversazioni seguendo queste istruzioni: Impostazioni > Account > Privacy > Conferme di lettura (togli la spunta).
  • Attiva la Verifica in due passaggi, inserendo un PIN a 6 cifre: Impostazioni > Account > Verifica in due passaggi.
  • Proteggi l’accesso al dispositivo mobile con un PIN o un altro sistema di autenticazione come l’impronta digitale.
  • Non permettere agli altri di metter mani sul tuo dispositivo mobile
  • Evita effettuare root o jailbrek del dispositivo, potresti esporlo a malware.
  • Non installare app da fonti non sicure e diverse da Google Play o Play Store.
  • Vai in Impostazioni > App e controlla che tra le app installate non ci sia almeno una sospetta e di cui non conosci la provenienza.
  • Verifica i permessi che richiedono le app.  Vai in Impostazioni > Sicurezza > Amministratori dispositivo e controlla le app sospette con permessi di amministrazione.
  • Installa un antivirus o un software anti-malware.
  • Verifica se qualcuno ti sta spiando su WhatsApp Web andando a controllare che non ci siano computer connessi diversi dal tuo. Nel caso clicca su Disconnetti da tutti i computer.
  • Presta attenzione ai telefonini regalati, potrebbero avere applicazioni spia. in caso di dubbi esegui il reset alle impostazioni di fabbrica in modo da eliminare app dubbie.
Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *