Il primo aggiornamento di Windows 8 si chiama Windows Blue

0 Condivisioni

Il prossimo 26 giugno durante durante la conferenza annuale degli sviluppatori Microsoft, “Build”, l’azienda di Redmond è pronta a rilasciare il primo aggiornamento di Windows 8: Windows Blue o Windows 8.1.

Visto da molti come un passo indietro della Microsoft per andare incontro alle esigenze degli utenti, come il ripristino del buon vecchio tasto Start, la versione di giugno sarà una preview pubblica e utilizzerà gli utenti come “Beta tester” in previsione del lancio ufficiale delle due versioni, quella per PC e Tablet, che dovrebbe avvenire in autunno.

Microsoft lancia Windows Blue

Windows Blue

Le altre novità sono l’introduzione con la possibilità di “saltare” l’interfaccia Modern (o Metro) e di far partire il sistema direttamente in modalità scrivania e l’aggiornamento delle principali app di sistema.

Insomma Microsoft ha dovuto dare ascolto ai suoi utenti i quali non hanno ben accolto il rinnovamento adottato con Windows 8; praticamente l’insoddisfazione ha colto sia i fanatici del rinnovamento che gli appassionati del vecchio mondo. Oramai, però, non si può più tornare indietro, anzi l’idea dell’unico sistema operativo che deve funzionare su tutte le piattaforme, computer, tablet, smartphone, console, sembra la definitiva strada imboccata dall’azienda di Redmond che non è più quella di un tempo i cui computer occupavano buona fetta del mercato, ma si sta evolvendo in un’Era dove il digitale è ovunque.

Windows Blue – Preview

Fabrizio Cannatelli

Autore e fondatore di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.