Come trovare lo smartphone perso in casa

0 Condivisioni

Se sei troppo distratto e smarrisci continuamente il telefonino in casa o in qualche altro posto, ufficio o negozio, e non riesci proprio a ritrovarlo, esiste un modo facilissimo per trovare lo smartphone perso in casa.

Tranquillo, la soluzione che ti proporrò non richiede nessuna competenza informatica, ma solo attenzione in quello che sto per dirti, perché in poche righe ti svelerò come trovare lo smartphone perso in casa con un semplice trucchetto e con qualche piccola impostazione da applicare al telefonino.

Come trovare lo smartphone perso in casa

Sei pronto? Se il tuo telefonino è finito sotto il divano o in qualche borsa e non riesci a ricordare dove esattamente si trova, di solito si applica la soluzione più semplice, che è quella di chiamarti per farlo squillare. Fin qui tutto ok. Ma se avevi impostato la suoneria modalità silenziosa o vibrazione? La cosa si complica.

Ecco allora che per trovare lo smartphone perso in casa dovrai dovrai farlo squillare anche se la suoneria è disattivata. Vediamo come.

Con un qualsiasi computer vai su Trova il mio dispositivo di Google, ed effettua l’accesso proprio con un account Google (lo stesso che hai impostato sullo smartphone Android).

Trova il mio dispositivo Google

Il servizio di Google consente di visualizzare il dispositivo sulla mappa, ma offre anche la possibilità di farlo squillare anche se è stata disabilitata la suoneria.

Ti basterà cliccare su RIPRODUCI AUDIO ed il telefono inizierà a squillare per cinque minuti, in questo modo avrai modo di recuperarlo ovunque esso sia. Per interrompere il suono, premi il tasto di accensione del dispositivo.

Il servizio di Google permette anche di bloccare il dispositivo e di cancellare i contenuti del telefonino.

LEGGI ANCHE:

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.