Proteggere il PC con una Chiavetta USB

0 Condivisioni

Capita spesso di doversi allontanare dal PC e lasciarlo incustodito. Per evitare spioni o fratelli impiccioni, hai una valida alternativa alle solite password di facile sblocco.

Se non lo sai puoi trasformare la tua Pendrive o chiavetta USB in un lucchetto che blocca e sblocca il computer rimuovendola e reinserendola.

Proteggere il PC con chiavetta USB

Il programma gratuito che consente di proteggere il PC con una chiavetta USB si chiama USB Raptor. Ecco come funziona.

Il primo passo da compiere per bloccare il PC con una Chiavetta USB è quello di scaricare USB Raptor dalla seguente pagina e avviarlo. Imposta la password necessaria per sbloccare il PC nel caso in cui dovessi perdere la Chiavetta USB.

usb raptor key

Seleziona la chiavetta USB (collegata al PC) e clicca su Create K3y file. Se vuoi che USB Raptor venga avviato automaticamente con Windows devi andare in Advanced configuration: troverai l’opzione che ti serve in General Settings.

Non resta che attivare la protezione spuntando la casella Enable USB Raptor o cliccando col tasto destro del mouse nella barra di notifiche di Windows e scegliendo Enable.

usb raptor enable

Apparirà nell’angolo in basso a destra del Desktop il messaggio di conferma USB Raptor in Armed.

Quando ti allontanerai dal PC, non dovrai fare altro che rimuovere la Chiavetta USB per bloccarlo e impedirne l’accesso alle persone non autorizzate.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.