La rivoluzione dell’algoritmo con Google Panda, Penguin Update e Google +1

0 Condivisioni

In questi ultimi anni Google sta apportando tantissime modifiche ai suoi algoritmi, sia per combattere la lotta allo spam e sia per dar modo di fornire agli utenti risultati qualitativamente migliori.

Google Panda e Penguin Update

Annunicato il 24 febbraio 2001, il primo algoritmo Google Panda ha lo scopo di penalizzare i siti di dubbia qualità o di spam. Attraverso questo algoritmo Google è riuscita a ridurre i siti di bassa qualità, cioè quei siti che sono a basso valore aggiunto per gli utenti, in quanto copiano i contenuti di altri siti.

In questo modo Google Panda, che influisce di circa il 15% sul volume complessivo delle ricerche, permetterà di fornire siti di alta qualità, con pagine che contengono contenuti originali e di informazione, dandogli un miglior posizionamento. Per evitare di cadere nella penalizzazione di questo algoritmo occorre:

  • creare contenuti sempre freschi e interessanti;
  • curare la forma e la sintassi;
  • evitare di copiare i contenuti o articoli;
  • cercare di limitare la pubblicità o banner nelle proprie pagine;
  • applicare le normali pratiche White SEO.

Creare quindi dei contenuti validi e che siano di utilità per i visitatori è un primo passo per evitare possibili penalizzazioni, ricordiamo che Google Panda ha colpito siti importanti e di grandi dimensioni che presentavano contenuti duplicati o che facevano un uso eccessivo di pubblicità, ad esempio gli aggregatori di notizie.

L’ultimo algoritmo lanciato da casa Google, si chiama Penguin Update ed ha lo scopo di penalizzare tecniche definite di “web spamming“, in particolare l’algoritmo penalizza il keywords stuffing e il link spamming.

Il keywords stuffing è legato alla tecnica di keywords density e cioè inserire in una pagina web tantissime parole chiavi attraverso degli stratagemmi come l’utilizzo di keywords nascoste nei CSS o keywords nascoste nel fondo della pagina dallo stesso colore dello sfondo del sito.

Il link spamming è l’acquisizione forzata di link provenienti da siti di scarsa qualità o la creazione innaturale dei propri anchor text.

Google plus + 1

Google non si è limitato ad apportare modifiche per combattere lo spam, ma ha introdotto anche delle novità di tipo “social” per contrastare lo strapotere di social network come Facebook e Twitter. Tra queste novità Google Plus +1, sia come social network sia come pulsante di gradimento, offre la possibilità agli utenti di votare le pagine web presenti nei risultati di ricerca e gli annunci AdWords. In questo modo le persone collegate alla nostra rete potranno vedere le nostre preferenze.

Questo strumento, in futuro, verrà sicuramente migliorato e perfezionato da Google, ma riuscirà ad influire sulle scelte dei visitatori e a ridurre la popolarità del social network di Mark Zuckerberg?

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.