WhatsApp: canone annuale per i nuovi download anche su iPhone

0 Condivisioni

Il successo di WhatsApp non si ferma e la famosa app di messaggistica prova a sfruttare il proprio appeal inserendo un canone annuale.

Dopo Android e Blackberry, da oggi anche gli utenti iPhone rischiano di pagare un canone annuale di 0,79 centesimi di euro.

Infatti, come anticipato dallo stesso capo di WhatsApp Jan Koum, i nuovi download dell’applicazione consentiranno 12 mesi di “traffico gratuito“, mentre a partire dall’anno successivo scatterà un abbonamento annuale pari a 0,79€ che può essere esteso a 3 o 5 anni.

WhatsApp si paga anche su iPhone

Non tutti però pagheranno per WhatsApp: gli affezionati di vecchia data, infatti, non dovrebbero essere coinvolti da questa operazione.

Sfruttare il marchio e la pubblicità facendosi pagare (anche se poco) correndo il rischio di perdere clienti attratti da nuove app gratuite?

Secondo i capi di WhatsApp è un rischio controllato (e comunque redditizio) da correre in un momento in cui – secondo le statistiche di fine giugno – i messaggi scambiati dalle tre principali antagoniste sono 10 volte inferiori di quelli prodotti dall’app (2,5 miliardi di messaggi vs 27 miliardi!).

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.