Video shock dell’attacco alla redazione di Charlie Hebdo

0 Condivisioni

Il tutto è accaduto tra le 11 e le 11.30 di questa mattina. Due uomini armati sono entrati nella sede di Charlie Hebdo al numero 10 di rue Nicolas Appert, nell’XI arrondissement. Dopo aver minacciato una donna davanti all’ingresso per costringerla ad aprire con il codice numerico, secondo fonti diverse, avrebbero ucciso un uomo al piano terra e poi diretti al primo piano, avrebbe ucciso durante la riunione di redazione del mattino 12 persone, ferendone 10. Tra le vittime oltre al direttore vignettista Charb (Stephane Charbonnier), sono stati uccisi: i disegnatori CabuGeorges Wolinski, molto famoso anche in Italia, e Tignous,  l’economista ed editorialista Bernard Maris.

Attentatori Charlie Hebdo

All’uscita del palazzo il mini commando (fonti diverse parlano di 3 uomini incappucciati) dietro il grido di “Allah è con noi“, avrebbe ferito e poi freddato un agente per poi fuggire con una Citroen scura.

Gli attentatori sono stati poi costretti per un incidente ad abbandonare la Citroen per impossessarsi di una Clio chiara, per poi riprendere la fuga verso nordest.

Attualmente la polizia francese sta svolgendo una vera caccia all’uomo.

Questo video è stato preso da un testimone della sparatoria. E’ stato condiviso su Instagram. Rappresenta i momenti più tragici e cioè l’irruzione di uomini armati l’uccisione dei 12 giornalisti della sede della rivista satirica Charlie Hebdo a Parigi.

Gli attentatori dopo il massacro, fuggono su una Citroen

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.