Lutto nel Wrestling: è morto The Ultimate Warrior

0 Condivisioni

Il mondo del Wrestling è in lutto per la scomparsa dell’ennesimo campione mondiale. Dopo la morte di wrestler celebri come Andrè The Giant, Chris Benoit, Macho Man, Eddie Guerrero e tanti altri, questa volta è toccato a The Ultimate Warrior.

The Ultimate Warrior

Segui Informarea su Telegram

Stroncato da un infarto a 54 anni è morto ieri The Ultimate Warrior, uno dei lottatori che negli anni ’80 e fine anni ’90 ha reso grande il Wrestling con Hulk Hogan, “Macho Man” Randy Savage, The Undertaker e André The Giant.

L’annuncio è stato dato dal sito ufficiale della WWE, (World Wrestling Entertainment) che pochi giorni fa, il 5 aprile, l’aveva inserito nella Hall of Fame della disciplina “La WWE è sotto shock e profondamente triste per la scomparsa di una delle maggiori icone di sempre del wrestling, Siamo felici che abbia avuto l’opportunità di occupare il posto che gli spetta nella Hall of Fame e di apparire di recente davanti ai tifosi”.

James Hellwig, questo il vero nome di The Ultimate Warrior, entrava nel ring con le note di “Unstable” di Jim Johnston seguita da un’energica scossa alle corde e con il viso dipinto, i capelli lunghi e i nastri sui bicipiti, era diventato, con il suo fisico da culturista, un vero e proprio idolo per gli amanti del Wrestling conquistando il titolo di campione del mondo nel 1990 in un incontro all’ultimo round contro l’amico e rivale da sempre, Hulk Hogan.

Secondo alcuni siti americani, il famoso wrestler avrebbe avuto un attacco cardiaco mentre si trovava fuori da un hotel in Arizona in compagnia della moglie. Nonostante i soccorsi e la corsa in ospedale per The Ultimate Warrior non c’è stato più nulla da fare.

Guarda la FotoGallery

Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Autore e fondatore di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze mi hanno spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.