Serie A 2012-2013 – 10a giornata: il commento

0 Condivisioni

Juventus – Inter è cominciata al 93esimo minuto di Juventus – Bologna: Paul Pogba di testa ha risolto – all’ultimo respiro – la pratica Bologna e ha aperto di fatto le porte al big-match in programma sabato alle 20.45 (sempre allo Juventus Stadium). 49esimo risultato utile consecutivo in serie A per la squadra di Conte che ha giocato un’ottima gara contro i rossoblu (vantaggio di Quagliarella) – nonostante il turnover – ma che si era complicata dopo il pareggio di Taider (su svarione di De Ceglie).
Il grande protagonista è stato il neo acquisto (a parametro zero fra l’altro) Pogba: partita sontuosa per il giovane francese che ha dominato la scena con recuperi, lanci e inserimenti (un goal annullato e un palo nel primo tempo).

Di nuovo Pogba: all'ultimo secondo è 2 - 1 Juve

L’unica a tenere botta alla capolista è l’Inter di Stramaccioni che ribalta il vantaggio iniziale di Munari e con Milito, Palacio e Guarin inguaia Ferrara e la sua panchina. 3 – 2 il risultato finale e sesta vittoria consecutiva in campionato per i nerazzurri che si prendono il titolo di anti-Juve proprio a poche ore dal Derby d’Italia (24 punti e ancora -4 dai bianconeri). Per i blucerchiati quinta sconfitta consecutiva e classifica ferma a 10 punti.

Guarin in goal nel 3 -2 fra Inter e Sampdoria

A Bergamo il Napoli ha sempre sofferto. A dire il vero, i partenopei soffrono non appena il proprio Matador è costretto a riposare (per infortunio o squalifica). Anche ieri è andata così e dopo aver vinto in casa a fatica con il Chievo, per la squadra di Mazzarri arriva la seconda sconfitta in campionato; la testa della classifica è adesso a -6. Ha deciso la sfida all’Atleti Azzurri d’Italia Carlos Carmona, al rientro dopo un lungo infortunio con un destro al volo su assist dell’ex Denis.

Il destro al volo di Carmona: Napoli ko

Nello scorso commento alla giornata avevo accennato alle probabili difficoltà di formazione per la Lazio con Ledesma e Hernanes costretti alla tribuna dal giudice sportivo: il primo tempo con il Torino è stato uno dei peggiori della gestione Petkovic e solo un goal nella ripresa di Mauri ha recuperato il vantaggio iniziale di Glik. Occasione sprecata per i granata che, soprattutto nel primo tempo, hanno sciupato più volte il goal del raddoppio. I biancocelesti hanno spinto bene nella seconda parte del secondo tempo ed alla fine il pari è sostanzialmente giusto. Da segnalare l’ammonizione di Klose che, diffidato, salterà il prossimo impegno contro il Catania.

Nel posticipo che ha chiuso la decima gionata di serie A la Fiorentina ha vinto la prima gara in trasferta della stagione grazie ad un goal di Manuel Pasqual e consolida il quinto posto in classifica a -1 dalla Lazio. Per il Genoa seconda sconfitta consecutiva per 1 – 0 da quando in panchina è arrivato Luigi Del Neri; solo 9 punti per il grifone.

La piscina del Tardini!

A Parma probabilmente la partita andava sospesa per impraticabilità del campo. Dalla metà del primo tempo il campo era più una piscina che un rettangolo verde.
In mezzo al diluvio la Roma di Zeman “annega” dopo il vantaggio iniziale del solito Lamela. Pareggio di Belfodil e sorpasso di Parolo in chiusura di primo tempo. Nella ripresa il 3 – 1 di Zaccardo prima del goal #218 di Totti. Il capitano della Roma a fine gara ha difeso il tecnico boemo ma sono già 19 le reti al passivo e miglioramenti difensivi e di atteggiamento della squadra sembrano ancora lontani.
Il Parma dal canto suo è alla terza vittoria consecutiva ed è al sesto posto con 15 punti (scavalcati proprio i giallorossi).

Al comando della classifica cannonieri c’è a sorpresa un giovane talento italiano: in un Milan in difficoltà e con un Allegri che sembra più improvvisare che scegliere,  El Shaarawi a Palermo ha siglato la sua settima marcatura in campionato e ha consentito ai rossoneri di tornare dal Renzo Barbera con un pareggio. Per i rosanero solite recriminazioni: da quando è in panchina Gasperini la squadra gioca bene ma non riesce a vincere le partite (quarto pareggio consecutivo): martedì sera la classica “paura di vincere” ha avuto il sopravvento ed ha permesso al Milan di recuperare il doppio svantaggio (Miccoli. Brienza) con Montolivo ed il piccolo faraone.

Dietro Juventus e Inter, la squadra più in forma in questo momento del campionato è il Cagliari della strana coppia PulgaLopez: quarta vittoria consecutiva per i sardi che hanno sconfitto per 4 – 2 il Siena: doppietta di Nené, Sau e Thiago Ribeiro per i ragazzi del presidente Cellino che si piazzano al settimo posto affiancando la Roma. Per i toscani ultimo posto in classifica a quota 3.

Ad Udine Totò Di Natale apre e chiude un match giocato molto bene dagli etnei che hanno assaporato fino al 93esimo la vittoria esterna: al rigore del solito #10 friulano ha risposto Castro in avvio di ripresa ed il solito Francesco Lodi su calcio di punizione. In pieno recupero la zampata di Di Natale ha fissato il risultato sul 2 – 2.

Il solito Di Natale: doppietta per lui e 2 - 2 fra Udinese e Catania

Chiudiamo con la vittoria del Chievo contro il Pescara in un’altra sfida delicata per i piani bassi della classifica: hanno deciso Luciano e Stoian nell’ultimo quarto di gara. Seconda vittoria per Corini da quando siede sulla panchina dei clivensi: per gli abruzzesi ritiro in vista della gara interna contro il Parma dove Stroppa si gioca la panchina.

Trap85 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Trap85

Vincenzo Marino alias Trap85, è un grande appassionato dello sport in generale ma soprattutto del mondo calcistico. Segue la sezione Calcio e Sport e cura contemporaneamente anche altre sezioni. Le sue pillole sportive sono vere e proprie pillole di saggezza e di grande esperienza alla Mario Sconcerti.

Trap85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.