Qual è il miglior browser tra Internet, Chrome, Mozilla e Safari?

Sempre più persone navigano sul Web ogni giorno e utlizzano servizi di Email o effettuano ricerche su Google, post su Facebook e Twitter ed è quindi ovvio che per tutte queste attività occorre utilizzare il browser migliore e più affidabile.

Microsoft, Mozilla e Google hanno messo in pista browser nuovi di zecca, mentre l’uscita del prodotto di Apple risale a pochi mesi fa. Occorre sottolineare che nessuno di loro ha progettato un browser nuovo, ma ha solo apportato lievi modifiche per ottimizzare la navigazione.

Quale Browser scegliere?

Ecco le novità:

Internet Explorer: Microsoft è passata dopo due anni da IE9 a IE10 (ultimo IE11). Oltre alla variante per il desktopo tradizionale, con Windows 8 è possibile utlizzare una App IE ottimizzata, per l’interfaccia touch. Microsoft ha, inoltre, corredato il proprio browser di una protezione per il tracking, per bloccare le pubblicità sui dati sensibili e le notizie indiscrete.

Una pratica funzionalità offerta ora da IE è il controllo ortografico che, come avviene in Word e programmi affini, provvede a sottolineare le parole scritte in modo scorretto e a proporne immediatamente le correzioni.

Firefox: la rivoluzione dell’interfaccia, annunciata a gran voce, non si è verificata. Il browser di Mozilla, però, ha un visualizzatore PDF integrato. Per poter scorrere le pagine PDF in Internet non è ora più necessario installare il plugin Adobe.Reader o software di altri produttori. Un’ottima funzionalità per arginare una serie di falle nella sicurezza del browser causate da molti di questi programmi.

Chrome: la nuova versione del browser di Google, in grado di “ubbidire” ai comandi vocali, può essere integrata agevolmente con il noto sistema di riconoscimento vocale specifico per smartphone e tablet. Con l’impiego dell’espansione Voice Search basterà pronunciare il termine desiderato, per attivarne una veloce ricerca. E’ possibile anche dettare testi e inviarli successivamente per email.

Altre innovazioni di Chrome: qualora un altro programma o una relativa espansione voglia installarsi nella toolbar dell’utente o cerchi di modificare il motore di ricerca, il browser provvederà a bloccarlo. Le modifiche per Chrome si attriveranno solo dopo averne dato il consenso. A partire dalla versione 25, il browser provvede a criptare tutte le ricerche immesse nella barra degli indirizzi.

Safari: con l’arrivo di iOS 7 e di OS X Mavericks, le prestazioni del browser di casa Apple sono notevolmente migliorate. Ridisegnati i Top Sites, nella sua barra laterale ora si trovano i link condivisi, cioè i collegamenti postati dalle persone che che seguiamo su Social Network. La navigazione è più fluida e veloce. Le pagine web in background e i contenuti via plugin non consumano più nulla. Oltre alle notifiche, gli utenti possono riceverle ad ogni notizia pubblicata, Safari consente anche di generare password sicure e di memorizzarle su iCloud, così da poterle utilizzare con completamento automatico anche su iPhone e iPad con lo stesso account del Mac.

La maggior parte dei browser è diventata più reattiva e meno vulnerabile agli attacchi dei pirati informatici, almeno rispetto al passato. Grazie all’attivazione di una protezione per il tracking ed alle numerose impostazioni per difendersi dalle minacce, IE è in grado di accompagnare i propri utenti su Internet in estrema sicurezza. Firefox è l’unco che dispone di una blindatura con Master-password, che nasconde in modo ottimale i dati di accesso e la password per Amazon, PayPal e affini. Su Chrome sono state rilevate anomalie e, eventali utenti non autorizzati, possono entrare in possesso delle password senza alcun problema. Chi ha accesso al PC sarà in grado di richiamare le password memorizzate con pochi clic del mouse. Malgrado questo aspetto Chrome mantiene il primato fra i browser: è il browser più veloce e non solo visualizza correttamente la maggior parte delle pagine internet sullo schermo del PC, ma è in grado di gestire al meglio, come anche Safari, il futuro standard HTML5, rispetto a IE.

I temi e i plugin che offrono Chrome e Mozilla sono notevolmenti più ampii rispetto a IE e Safari. In conclusione Firefox a causa dell’insufficente osservanza della privacy è quello che nel confronto con gli altri tre risulta essere più debole. IE offre la protezione migliore contro l’appropriazione illegate di dati e di virus ma la velocità di navigazione e la comodità d’uso lasciano a desiderare.

  • Velocità

Quasi tutte le pagine internet sfruttano il motore Javascript per attivare funzioni aggiuntive quali:

  • toolbar
  • icone
  • grafici
  • richieste di password

      Altre pagine possono invece contenere numerose immagini oppure visualizzare video e giochi senza necessità di software aggiuntivo.

  • Visualizzazione

Tutti i browser indicati gestiscono lo standard HTML5, CSS3 e affini per la corretta visualizzazione delle pagine.

  • Sicurezza

I browser oggi offrono una maggiore sicurezza, ma non sono in grado di comptere con le tecniche dei cyber-criminali.

 

Pregi e difetti dei Browser

 

In conclusione:

  • Chrome: offre la maggiore velocità di navigazione, riproduce correttamente le pagine Web, è semplice e intuitivo, ha una scarsa protezione delle password, ha numerose funzioni aggiuntive a mezzo plug-in.
  • Internet Explorer: è veloce ma lento con le pagine HTML5, è semplice e chiaro, non buono con multimedia, ha numerose funzioni di protezione, poche possibilità di ampliamento.
  • Safari: semplice e intuitivo, password sicure, poche funzioni e solo plug-in, piuttosto lento, visualizza tutto ma alcune volte in modo imperfetto.
  • Mozilla Firefox: un pò lento con le pagine HTML5, semplice e intuitivo, protezione scarsa ma password blindata, ampia scelta di plug-in e di temi, condizioni di utilizzo e norme sulla privacy e sicurezza tra l’inglese e italiano.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.