Papa Ratzinger si dimette

0 Condivisioni

Papa Benedetto XVI lascerà il Pontificato il prossimo 28 febbraio: lo ha annunciato personalmente, in latino (come tutti i passaggi solenni di un pontificato), durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto; il Papa ha deciso di fare un passo indietro, spiegando di sentire il peso dell’incarico, e di aver preso questa decisione, a lungo meditata, per il bene della Chiesa.

Come lui stesso ha dichiarato, “sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero”“nel mondo di oggi,…, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato”.

Papa Benedetto XVI fig.1

Infine ha chiesto che venga indetto un Conclave per l’elezione del successore.

Joseph Ratzinger (85 anni), successore di Karol Wojtyla (Giovanni Paolo II), è diventato Papa il 19 aprile 2005.

Questa decisione è stata, a detta del Cardinale Angelo Sodano, decano del collegio cardinalizio, “un fulmine a ciel sereno”: infatti fino a pochi mesi fa nulla lasciava presagire una simile decisione.

La “sede vacante” scatterà dalle ore 20:00 del 28 febbraio.

Papa Benedetto XVI fig.2

Una decisione simile è capitata nella storia della Chiesa solo un’altra volta, in occasione del “Gran rifiuto” di Celestino V nel 1294, a cinque mesi dalla sua elezione.

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.