Ottavi di Finale Mondiali 2014: per la Rai un programma poverissimo

0 Condivisioni

Domani con gli ottavi di finale della Coppa del Mondo 2014 si entra nel vivo della manifestazione, con sfide ad eliminazione diretta.

Purtroppo c’è una deludente notizia per tutti i telespettatori che non sono abbonati a Sky (che trasmetterà tutti e 8 gli incontri): sulle reti  Rai andranno in onda solo 4 partite.

Gli ottavi di finale trasmessi dalla RAI

Se la notizia era già nota a tutti, la delusione è data dal fatto che i risultati sorprendenti dei gironi hanno confezionato partite a disposizione della Rai di livello molto basso.

In pratica l’emittente di Stato, ha scelto di privilegiare per gli Ottavi le partite delle 22.00 rispetto a quella delle 18.00 per ovvi motivi di audience, e per questo motivo si è trovata a trasmettere tra le big solo la Germania, perdendo Brasile, Olanda, Francia ed Argentina.

Il telespettatore che vorrà vedere i migliori incontri dovrà abbonarsi a Sky che tra l’altro sta offrendo per quegli utenti che non hanno il Mondiale, un mini pacchettino a 9,90 euro per poter seguire la manifestazione fino alla fine.

Nelle ultime ore la Rai ha deciso di cambiare il suo programma garantendo la visione di big match come Brasile-Cile e Olanda Messico delle 18.00 per escludere Colombia-Uruguay e Grecia-Costarica delle 22.00.

Ecco l’elenco delle partite:

 

Sabato 28 giugno

Ore 18.00 Brasile-Cile (Sky e Rai)

Ore 22.00 Colombia-Uruguay (Sky)

 

Domenica 29 giugno

Ore 18.00 Olanda-Messico (Sky e Rai)

Ore 22.00 Grecia-Costarica (Sky)

 

Lunedi 30 giugno

Ore 18.00 Francia-Nigeria (Sky)

Ore 22.00 Germania-Algeria (Sky e Rai)

Martedi 1 luglio

Ore 18.00 Argentina-Svizzera (Sky)

Ore 22.00 Usa-Belgio (Sky e Rai)

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.