Mutui per la prima casa: caratteristiche e agevolazioni

Quello di prima casa è un termine che ha in sé delle caratteristiche di unicità, per il quale si può godere di significative agevolazioni fiscali, come le detrazioni sui mutui prima casa.

Abitazione principale e prima casa sono due concetti che, per quanto simili, hanno da un punto di vista legislativo delle connotazioni diverse. Quello di prima casa è un termine che ha in sé delle caratteristiche di unicità, per il quale si può godere di significative agevolazioni fiscali, ma che richiede alcuni requisiti.

Soldi Casa mutuo - Mutui per la prima casa: caratteristiche e agevolazioni

Innanzitutto un’abitazione per essere adibita a prima casa deve rientrare nelle categorie A/1 e A/11, deve essere di tipo residenziale e non di lusso. Inoltre deve trovarsi nel Comune ove l’acquirente ha la residenza, svolge la propria attività lavorativa o dove si impegna a stabilirla entro 18 mesi dall’acquisto.

Le agevolazioni fiscali di cui si può godere per l’acquisto della prima casa sono numerose, dall’IVA ridotta al 4% se si acquista direttamente da un’impresa costruttrice all’imposta di registro, ridotta al 3% se si acquista da privato. Le imposte ipotecarie e catastali, invece, vengono fissate nella misura di 168€ ciascuna. Oltre alle agevolazioni sull’IVA e sulle imposte (di registro, ipotecarie e catastali), si può usufruire di detrazioni sui mutui prima casa.

Le detrazioni sui mutui prima casa prevedono un rimborso del 19% sull’imponibile utilizzabile a tal fine. Nell’imponibile rientrano le spese di istruttoria bancaria, i costi di perizia, l’imposta sul mutuo, i costi dell’atto notarile e le quote di interessi delle rate di mutuo. Il massimo ammesso in sede di detrazione per i mutui prima casa è di 4.000€ all’anno, per cui al massimo avremo una detrazione di 760€ all’anno.

Per godere di queste agevolazioni sui mutui prima casa bisogna consegnare al CAF, in sede di dichiarazione dei redditi (modello 730 o UNICO) i documenti che attestano la quota detraibile.  Le spese di apertura del mutuo risultano dalle contabili bancarie e dalle fatture del perito e del notaio. Gli interessi passivi vengono invece certificati dalla banca mutuante una volta all’anno con una dichiarazione inviata di solito spontaneamente entro il mese di maggio.

imu casa 258 - Mutui per la prima casa: caratteristiche e agevolazioni

Con la riforma del federalismo fiscale è stata introdotta una nuova tassa, l’IMU (imposta municipale Unica), che sostituisce la cara e vecchia ICI. Se quella ordinaria è dello 0,76% su un valore catastale maggiorato mediamente del 60%, il prelievo diventa più leggero per le prime case, perché l’aliquota scende dello 0,4%, oltre a beneficiare di una detrazione di 200€ più 50€ per ogni figlio (fino a 26 anni di età) che compone la famiglia. I comuni, tuttavia, potranno variare l’aliquota sulla prima casa verso l’alto o il basso, mai superando però lo 0,76%.

A cura di Gianluca Caruso.  

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *