Le assicurazioni temporanee per auto

Alcuni guidatori usano l’auto solo nel weekend, altri invece la tengono in garage per interi mesi dell’anno e percorrono un numero limitatissimo di chilometri: per evitare di pagare per intero importo il premio dell’assicurazione, è possibile sottoscrivere un’assicurazione a tempo. Si tratta di un particolare tipo d polizza che assicura il veicolo soltanto nei giorni di effettivo utilizzo o per i chilometri effettivamente percorsi allo stesso modo di una qualsiasi polizza RCA.

Assicurazioni temporanee per auto

Chi vuole stipulare un’assicurazione “giornaliera”, ad esempio, ha la possibilità di comunicare in anticipo alla compagnia assicurativa i giorni in cui effettivamente utilizza l’auto, in modo da attivare la copertura assicurativa soltanto quando serve. Sono tantissime le compagnie assicurative che hanno attivato questo tipo di polizza giornaliera e che, per favorire la comunicazione con i propri clienti, hanno attivato servizi attivi 24 ore su 24, anche tramite telefono o Internet.

Spesso la compagnia di assicurazione poi richiede l’installazione di un dispositivo satellitare che comunica all’assicurazione la quantità di chilometri percorsi dall’auto, e che viene concesso in comodato d’uso. Il calcolo dei chilometri viene preso in considerazione dalla compagnia assicurativa per conteggiare effettivamente quanto è stato utilizzato il mezzo e se l’assicurato deve pagare un conguaglio perché ha “sforato” il numero di chilometri previsti dalla polizza. In genere questo tipo di polizza prevede un numero di chilometri compreso tra i 2000 e i 5000: superata questa soglia, partirà in automatico il meccanismo del conteggio dei chilometri aggiuntivi.

dispositivo satellitare

Una polizza di questo tipo conviene a chi utilizza il veicolo per meno di 120 giorni l’anno, ma prima di sottoscriverla è bene considerare alcuni fattori che potrebbero essere più problematici. Ad esempio, bisogna sottolineare che  l’assicurazione auto temporanea, a differenza delle normali assicurazioni auto,  non gode del ‘periodo di tolleranza’, ovvero di quel periodo, successivo alla scadenza della polizza, in cui la copertura assicurativa continua ad essere attiva, nonostante il mancato rinnovo.

A cura di Gianluca Caruso

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.