La TV piange la morte del comico Andrea Brambilla, in arte Zuzzurro

0 Condivisioni

E’ morto ieri sera all’età di 67, Andrea Brambilla, in arte Zuzzurro, presso l’Istituto tumori di Milano dove era ricoverato dal 7 ottobre 2013 per un tumore ai polmoni.

La morte del collega è stata annunciata sul suo profilo Facebook con la frase “Zuzzurro e Gaspare da adesso non ci sono più. Punto“, anche da Nino Formicola, in arte Gaspare che con Zuzzurro aveva formato un Duo Comico dal 1976 ad oggi.

Segui Informarea su Telegram

Zuzzurro e Gaspare

I due avevano raggiunto la notorietà con Drive In con la frase tipica “Ce l’ho qui la brioche“, passando prima in Rai e poi su Antenna 3. Successivamente, Zuzzurro e Gaspare, dal piccolo schermo sono arrivati al teatro: l’ultimo spettacolo “Non c’è più il futuro di una volta 2.0” doveva debuttare a metà ottobre.

Queste le parole di Gaspare visibilmente commosso e avvilito: “Ieri sera ha avuto una crisi ed oggi lo hanno sedato. Andrea è morto poco prima delle 22″, ha detto Formicola, commosso. “Tra qualche mese sarebbero stati 40 anni che ci conoscevamo. Gli avevano diagnosticato il tumore al polmone in febbraio. Lui ha affrontato la malattia con grande piglio ed energia. Devo essere onesto, pensavo di essere preparato ma non è così. Mi sono reso conto che per quanto uno possa essere lucido, razionale, cinico, non c’è nulla da fare.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.