La Samsung viola i brevetti Apple, multa da 290 milioni di dollari

0 Condivisioni

La Saumsung Electronics sudcoreana dovrà pagare 290 milioni di dollari alla Apple come risarcimento per la violazione dei brevetti; questo il verdetto emesso ieri a seguito di un processo iniziato nell’agosto 2012, quando sempre un tribunale di San Jose (California) stabilì la violazione di brevetti da parte di Samsung ai danni di Apple e il pagamento di un miliardo di dollari.

Samsung perde causa contro Apple

Segui Informarea su Telegram

Quella cifra fu poi rivista dal giudice che riconobbe, invece, come risarcimento 600 milioni di dollari. I residui 400 milioni di dollari sono stati richiesti in un sotto-processo da Apple che reclamava i danni subiti in termini di royalties perdute su 5 brevetti e 13 prodotti. In conclusione il verdetto sui 290 milioni nasce dalla richiesta del giudice ai giurati di riesaminare nel dettaglio i danni subiti da Apple che secondo i suoi calcoli avrebbe dovuto avere un risarcimento di circa 379 milioni di dollari. Sommando i 600 milioni iniziali ai 290 milioni, Samsung dovrà pagare in totale 890 milioni di dolalri, invece del miliardo iniziale.

La battaglia legale fra i due colossi tecnologici però non finisce qui. Gli scontri giudiziari su altri prodotti e brevetti si stanno svolgendo non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa, dove il mercato dei consumatori pende più dalla parte dell’azienda coreana i cui smartphone, da alcuni anni, hanno di gran lunga superato nelle vendite l’iPhone dell’azienda fondata da Steve Jobs.

Prepariamoci ad altre battaglie di mercato e nei tribunali.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Autore e fondatore di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze mi hanno spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.