La Costa Concordia è tornata di nuovo in asse

0 Condivisioni

Le operazioni di rotazione del relitto della Costa Concordia, iniziate ieri alle 9:00, sono state concluse questa mattina 17 settembre 2013 alle ore 4:00.

La Costa Concordia è di nuovo in asse e gli applausi vanno tutti Nicholas Sloane, “salvage master”, ribattezzato dai media come “Cacciatore di relitti“, l’uomo simbolo dell’operazione parbuckling e direttore dei lavori di rotazone. Il sudafricano ha diretto il raddrizzamento dalla sala di controllo per 19 ore, invece delle 12 ore previste, e il relitto ora si trova sulla piattaforma creata ad hoc per l’operazione.

La Costa Crociera è di nuovo in asse

Applausi anche per Gabrielli, capo della protezione civile, che in una conferenza stampa iniziata con abbracci e pacche sulla spalla ha detto:”Oggi abbiamo messo un punto decisivo per l’allontanamento della nave dall’isola del Giglio“, e ancora: “Penso che meglio di così non potesse andare“.

I danni alla nave sono molti e secondo varie indiscrezioni la Costa lascerà l’isola del Giglio nella Primavera o Estate del 2014.

Un fatto curioso è la misteriosa scritta apparsa nella parte emersa della Costa Concordia “Kit Kat Big Dawg“. L’autore rimane per ora un mistero.

Il video del raddrizzamento della Costa Concordia in 22 secondi

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


https://www.informarea.it/2013/09/17/Come-recuperare-un-iPhone-caduto-in-acqua

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.