La Canalis presenta Brian Perri alla mamma

Elisabetta Canalis fa sul serio, sembra aver deciso di fidanzarsi ufficialmente, e infatti è volata in Sardegna per presentare a mamma e papà il suo nuovo amore Brian Perri. Lo avessero scritto i fratelli Vanzina il titolo sarebbe stato “Natale in Sardegna” oppure “Brian ti presento mamma”; la verità è che la Canalis sembra davvero presa in questa nuova storia. E lui sembra ricambiare la stessa passione; infatti uscendo allo scoperto ha postato sui social le foto che lo ritraggono in terra sarda insieme a lei: in due istantanee sono ritratti ‘vicini, vicini’, innamorati e felici ad Alghero.

Elisabetta Canalis e Brian Perri

Questa uscita non è però una novità, già qualche giorno prima i due sono stati visti in tribuna a San Siro in occasione del derby, magari la notizia era passata un po’ in sordina perché i riflettori erano tutti sul neopresidente dell’Inter Erick Thohir. Prima ancora, la storia tra la showgirl e il chirurgo californiano era stata ufficializzata sui i canali social da Elisabetta stessa, proprio a voler dimostrare che è tutto alla luce del sole.

Ora, finite le vacanze natalizie, il nuovo amore dovrà resistere alla prova della distanza, quando con il nuovo anno la coppia dovrà dividersi e fare la spola tra gli Stati Uniti, dove Brian lavora, e l’Italia, dove la showgirl è impegnata nella nuova stagione di “Zelig”.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *