Il video della blogger star del Make-up sommerso da insulti

0 Condivisioni

Il suo video è diventato un vero e proprio caso mediatico: si chiama Em Ford ed è una blogger inglese specializzata in make-up. In questi giorni ha postato su YouTube un video nel suo canale intitolato “My Pale Skin” ottenendo oltre 4 milioni di visualizzazioni, dove mostra in poco tempo la metamorfosi del suo volto.

Attraverso un trucco con correttore e cipria Em, 26 anni, è riuscita, presentandosi al naturale, a nascondere i suoi difetti e soprattutto i suoi brufoli. Ha voluto così insegnare, attraverso un tutorial, alle tantissime ragazze che hanno lo stesso problema di pelle, a nascondere le macchie e i segni antiestetici del volto.

Em-Ford

Il video è stato molto apprezzato ma non sono mancati i tantissimi commenti offensivi come “non possono guardarti”, “sei disgustosa”, “ti sei mai lavata la faccia in vita tua?”, e tanti altri.

Em, in questo modo ha denunciato la discriminazione verso le donne che hanno dei difetti e incoraggiato tutte quelle persone che soffrono di questo problema a sentirsi ugualmente belle.

Guarda il video:

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!

 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

I Vostri commenti sono benvenuti!

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.