Il professor Kelly parla alla BBC dopo l’intervista interrotta dai suoi bambini

0 Condivisioni

Il professor Robert Kelly quel giorno non poteva crederci eppure è accaduto. Mentre interveniva in diretta con la BBC come esperto del Sud Corea, Marion e James, i suoi due bambini, sono entrati di soppiatto nel suo ufficio pensando che dalla parte opposta dello schermo ci fosse la loro nonna, ma non potevano immaginare che il papà professore stava in diretta davanti alle telecamere della BBC.

Il video dell’intervista ha fatto il giro del mondo ed ha ottenuto la bellezza di milioni e milioni di visualizzazioni.

Robert Kelly e la famiglia intervistati dalla BBC

Qualche giorno fa il professor Kelly, accademico alla Pusan National University, è tornato davanti alle telecamere della BBC ma questa volta con tutta la famiglia, compresa la moglie Jung-a Kim che quel giorno, durante la video intervista, era intervenuta per mettere ordine alla situazione riuscendo a recuperare Marion, 4 anni, e James di appena 8 mesi.

Queste le sue parole: “Abbiamo riso molto ma al tempo stesso eravamo un po’ preoccupati, perché pensavamo che la BBC non mi avrebbe mai più chiamato, inoltre non appena ho visto l’immagine di mia figlia nello schermo pensavo che l’operatore stringesse l’angolazione della telecamera, ma non è accaduto, e mentre rispondevo ad un’altra domanda ho visto affacciarsi anche il piccolo James. Per me era finita. Avrei dovuto chiudere la porta a chiave“.

Sul fatto che la moglie Kim sia stata scambiata per la donna delle pulizie, ha detto: “E’ stato piuttosto spiacevole ma comunque divertente“.

Il professor Robert Kelly e l’intervista interrotta dai suoi bambini

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.