I migliori smartphone cinesi Android – Pro e contro

0 Condivisioni

Vuoi comprare uno smartphone cinese ma non sai quale scegliere? Leggendo questo post potrai capire quali sono i migliori smartphone cinesi Android in circolazione nel 2014.

Gli smartphone cinesi si stanno pian piano affermato nel mercato dei telefonini non solo perché offrono tutte le impostazioni dei cellulari di fascia alta, ma anche per i loro prezzo, spesso stracciato.

Equipaggiati con Android, è possibile trovare smartphone cinesi di ottima qualità, anche a meno di 300€, capaci di assicurare un’esperienza utente davvero buona, garantendo un buon rapporto qualità-prezzo.

Migliori smartphone cinesi

In circolazione ce ne sono molti ma in questo post vi elencheremo i migliori smartphone cinesi Android tenendo in considerazione anche quelli octa-core (8 core che lavorano contemporaneamente fino ad una frequenza di 2Ghz), ci riferiamo ai telefoni con il SoC Mediatek MTK6592 e una GPU Mali-MP4 in grado di supportare riproduzione video in Ultra HD 4k e anche videogiochi molto pesanti.

Huawei Ascend P7

Top gamma dell’azienda cinese Huawei, l’Ascend P7 è dotata nella versione internazionale (non nella versione europea) della doppia slot per due SIM (micro SIM e nano SIM). Elegante design, 5 mm di spessore e 12g di peso, questo dispositivo mobile ha un retro in vetro e una scocca in metallo con Gorilla Glass 3 a protezione del display da urti accidentali.

La risoluzione, per un display da 5 pollici, è Full-HD  (1920 x 1080 pixel) per un totale di 441ppi. Il processore dell’Ascend 7 è un quad-core Hisilicon Kirin 910T a 1.8Ghz affiancato da una GPU Mali-450 e da 2GB di RAM.

 

Huawei Ascend P7

 

La memoria, espandibile con microSD, è di 16GB, mentre lato connettività oltre al supporto all’LTE, è presente il chip per l’NFC.

La fotocamera posteriore di 13 megapixel presenta un’apertura focale f/2.0 ed è basata su tecnologia ISP. Inoltre lo Smart Engine 2.0, il software preinstallato, offre nuovi orizzonti al comparto funzionale includendo elementi come l’adattamento della luminosità all’ambiente e la possibilità di allegare la musica alle fote. La fotocamera anteriore è invece da 8 megapixel ed è ottima per i selfie in quanto combina 5 lenti sferiche con un sensore di primissimo livello. Il sistema operativo è l’Emotion UI 2.3 ed è basato su Android KitKat 4.4.2, mentre la batteria è da 2500mAh.

  • I Pro dell’Huawei Ascend P7 sono: la presenza di Android Kitkat 4.2.2 con personalizzazione dell’interfaccia, l’ottima autonomia garantita dalla batteria da 2500mAh ed il supporto delle reti 4G.
  • I Contro dell’Huawei Ascend P7 sono: la scarsa disponibilità online.

Il prezzo ufficiale dell’Huawei Ascend P7 è di 325 euro.

OPPO FIND 7
OPPO FIND 7

 

Oppo Find 7

Disponibile in due versioni, l’Oppo Find 7 Standard e l’Oppo Find 7 Premium, entrambi con GPU Adreno 330, hanno: il primo un processore Qualcomm Snapdragon 800 da 2.3Ghz e il secondo un Qualcomm Snapdragon 801 da 2.5Ghz.

La risoluzione della versione Premium è Quad-HD con display da 5.5 pollici, pari a 2560 x 1440 pixel che equivalgono ad una densità di pixel di 538ppi. La versione standard invece ha una risoluzione Full HD con possibilità di scegliere se dotarsi di un display con risoluzione elevata. Lo spessore di 9.2 mm racchiude per la versione standard una batteria da 2800mAh, mentre per la versione premium parliamo di 3000mAh.

 

Oppo Find 7

 

Le fotocamere di questo stupendo dispositivo sono molto evolute: quella posteriore è targata Sony e presenta 13 megapixel con risoluzione fino a 50 megapixel, grazie ad un processore di immagine “Pure Image 2.0” e ad una funzione “Super Zoom” che garantiscono un livello di dettagli spaventoso. Il sensore posteriore permette di registrare video 4K a 30fps con slow-motion fino a 100fps. La fotocamera frontale con l’apertura f/2.0 consente di utilizzare gran parte del comparto funzionale della fotocamera posteriore.

Dotato di Android  4.3, presenta anche una tecnologia VOOOC per ridurre i tempi di ricarica e del supporto all’LTE sul fronte connettività. E’ disponibile in bianco e in grigio opaco.

  • I Pro dell’Oppo Find 7 sono: il supporto all’LTE, una fotocamera di livello superiore rispetto agli altri smartphone cinesi, una buona autonomia della batteria da 2800mAh.
  • I Contro dell’Oppo Find 7 sono: prezzo elevato rispetto allo standard degli smartphone cinesi, peso troppo elevato (170g), il vetro del display mantiene le impronte.

Il prezzo ufficiale dell’Oppo Find 7 è di 399 euro.

 

Xiaomi MI4

Uno dei migliori smartphone cinesi con Android è lo Xiaomi MI4. Dotato di un processore Qualcomm Snapdragon 801 da 2.5 Ghz con GPU Adreno 330, presenta un display da 5 pollici con tecnologia IPS e risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel. La RAM è di 3GB, mentre la memoria interna da 16 o 64 GB. Putroppo la memoria non è espandibile, vi consigliamo quindi l’acquisto del modello da 64GB.

 

Xiaomi MI4

 

Il dispositivo ha una fotocamera con sensore di ben 13 megapixel con possibilità di registrare video in 4K. Inoltre oltre alla modalità HDR è presente anche il Burst shot, e cioè la possibilità di realizzare scatti multipli tenendo premuto il tasto di scatto, la modalità di fuoco multiplo e una modalità di tracking degli oggetti. Ottima l’autonomia della batteria di 3080mAh.

Equipaggiato di Android come quasi tutti gli smartphone cinesi, il firmware MIUI è localizzato in italiano e dispone di Play Store.
  • I Pro dello Xiaomi MI4 sono: l’elevata autonomia garantita dalla batteria da 3080mAh, la qualità costruttiva, l’elevata qualità del display 5” IPS OGS screen e naturalmente il prezzo, il supporto della community MIUI che garantisce un’aggiornamento della rom con cadenza settimanale
  • I Contro dello Xiaomi MI4 sono: l’assenza della memoria espandibile e dl chip NFC, l’assenza dell’LTE, fotocamera non ottimale.

Il prezzo ufficiale dello Xiaomi MI4 è di 370 euro.

 

Meizu MX3

L’MX3 è uno smartphone cinese octa-core (miglior multi processore attualmente sul mercato è il successore del quad-core e la  potenza e rapidità di HIGHWAY è garantita da ciascuno dei suoi core da 2 Ghz che lavorano simultaneamente). Il processore è un Samsung Exynos 5410 octa-core con 4 core A15 da 1.6 Ghz e gli altri 4 core con A7 da 1.2 Ghz.

Il display, prodotto da Sharp, ha una diagonale da 5.1 pollici e una risoluzione Full HD di 1920 x 1080 pixel. La fotocamera posteriore è da 8 megapixel mentre quella anteriore è da 2 megapixel (il sensore è sempre prodotto da Sony).

 

Meizu MX3

 

L’MX3 ha 2GB di RAM ed una batteria da 2400mAh, inoltre offre all’utente tutto il supporto hardware necessario ad un’esperienza di alto livello. Purtroppo non supporta l’LTE.

Il sistema operativo è Android, ma essendo stato personalizzato ha assunto il nome di Flyme OS.

  • I Pro del Meizu MX3 sono: design simile all’iPhone 3GS, diversi colori, Display ampio da 5.1 pollici, tre versioni di memoria: 16/32/64 GB, audio perfetto, tasto di notifica molto elegante.
  • I Contro del Meizu MX3 sono: la mancanza di memoria espandibile con microSD, assenza di connettività LTE, batteria non removibile in modo autonomo.

I prezzi ufficiali dell’MX3 partono da 349€ per la versione più economica (16GB), che sale a 379€ per la versione da 32GB e a 419€ per la versione con memoria interna.

 

One Plus One

Lo smartphone cinese One Plus One dall’hardware top di gamma e dal prezzo notevolmente basso, monta un Qualcomm Snapdragon 801 (un quad-core) con 2.5 Ghz e una GPU Adreno 330.

Il display, in questo prodotto è da 5.5 pollici, Full HD con Gorilla Glass 3, con una densità per pollice di 401ppi.

La fotocamera posteriore è da 13 megapixel con stabilizzatore dual flash e la possibilità di girare video in quadHD. La fotocamera anteriore è invece da 5 megapixel. Come tutti gli smartphone cinesi anche il One Plus One monta il sistema operativo Android, la versione 4.4 è stata però rivista dal team CyanogenMod e chiamata proprio CyanogenMod 11S.

 

One Plus One

 

Ottima l’autonomia grazie alla batteria da 3100mAh.

Per approfondimenti visita questo post: Arriva OnePlus One: lo smartphone top di gamma economico.

  • I Pro del One Plus One sono: l’ottima autonomia garantita da una batteria da 3100mAh, un display da 5.5 pollici full HD e un’ottima fotocamera.
  • I Contro del One Plus One sono: l’audio in capsula auricolare (audio in chiamata basso) e le dimensioni (difficile usarlo con una sola mano).

Il prezzo ufficiale del OnePlus One (in Italia sarà disponibile in ottobre 2014) sarà di 269 euro per il modello 16GB e 299 euro per il 64GB.

 

Jiayu S2

Tra i primi brand ad affermarsi in Europa l’azienda Jiayu presenta il suo smartphone cinese octa-core, di ispirazione Apple, lo Jiayu S2. E’ lo smartphone cinese più sottile del mercato con 6mm di spessore; il display è di 5 pollici Sharp IPS retina con risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel pari a 440 ppi con tecnologia LTPS e Gorilla Glass 2 Multi-touch screen.

Sul fronte hardware, il processore, l’MTK 6592 con un Octa-core clockato a 1,7Ghz, è affiancato da 2GB di Ram e da una GPU Mali-450. La memoria interna è da 32 GB e compensa l’assenza di uno slot per la microSD.

Jiayu S2

Per quanto riguarda la fotocamera, il sensore posteriore targato Panasonic è da 13 megapixel mentre quella frontale è da 8 megapixel. La batteria non assicura una piena giornata di utilizzo in quanto è da 2000mAh e non c’è possibilità di inserirne una seconda in quanto la back-over non è rimovibile. Altro problema è il surriscaldamento sopra la media e l’assenza della retro-illuminazione dei tra tasti Android.

Il design è molto bello e robusto, e la versione montata è quella di Android 4.2.2. Le versioni disponibili del Jiayu S2 sono due: bianco e nero.

  • I Pro del Jiayu S2 sono: la presenza di un processore octa-core (ottimo sotto l’aspetto multimediale e del videogaming), design eccellente, GPS di serie, ottima ricezione, supporto Dual SIM, fotocamera da 13mp con ottime prestazioni, materiale di costruzione di ottima qualità.
  • I Contro del Jiayu S2 sono: eccessivo surriscaldamento nell’uso prolungato, batteria da 2000mAh non adeguata, tasti non retroilluminati.

Il prezzo ufficiale del Jiayu S2 è di 250 euro.

 

Zopo ZP1000

Antagonista dello Jiayu S2, lo Zopo ZP1000 è un altro smartphone cinese che punta molto all’estetica ed alle dimensioni. Con uno spessore di soli 7mm, contro i 6mm dello Jiayu S2, è uno degli smartphone cinesi più sottile. Display da 5 pollici con risoluzione HD (1280 x 720 pixel), lo Zopo ZP1000 monta un processore octa-core Mediatek MT6592 da 1.7Ghz con 8GB di RAM

 

Zopo ZP1000

 

Priva della scocca unibody, non permette all’utente di sostituire la batteria e nè di espandere la memoria interna di 16GB. Rispetto allo Jiayu S2, lo ZP1000 ha la retro-illuminazione dei tasti.

Lo Zopo ZP1000 è disponibile in due versioni: bianco e nero.

  • I Pro dello Zopo ZP1000: il processore octa-core, l’ottimo materiale utilizzato per la sua costruzione, lo schermo di tipo IPS, lo spessore (solo 7 mm) e le dimensioni.
  • I Contro dello Zopo ZP1000: la memoria non espandibile e la batteria non rimovibile.

Il prezzo ufficiale dello Zopo ZP1000 è di 269 euro.

 

TCL Idol X+ S960

Ottimo rapporto qualità-prezzo, il TCL Idol X+S960 è il top di gamma della multinazionale cinese TCL che dal 2004 forma una join venture con l’Alcatel per la produzione di telefonini. In Europa gli smartphone delle due aziende vengono venduti con il nome di Alcatel, in Cina con il nome di TCL.

Rispetto agli altri dispositivi mobili cinesi, il TCL ha una dotazione molto impegnativa: un chip octa-core MT6592 overclockato a 2Ghz con GPU Mali-450, supportati da un’ottima batteria da 2500mAh, il quale però non può essere rimossa. Questo difetto permette di ridurre il telefono ad uno spessore di 7.9 mm.

La memoria RAM è da 2GB, mentre la memoria interna è da 16GB e purtroppo non risulta espandibile attraverso una microSD.

 

TCL Idol X+ S960

 

Il display è la vera innovazione in questo smartphone cinese: 5 pollici IPS e risoluzione Full HD, 1920 x 1080 pixel, con densità di 441ppi. Il tutto associato ad una luminosità molto buona ed dalla presenza del Gorilla Glass a protezione del dispositivo.

La vera chicca nel TCL Idol X+ è la qualità del sonoro: il doppio altoparlante riproduce il suono amplificato dall’ottimo chip di Maxim 9720 a 24bit/192Khz, lo stesso vale per l’ascolto in cuffie, grazie alla presenza di auricolari in-ear JBL offerti in dotazione. Inoltre questo dispositivo viene venduto in bundle con un boomband (braccialetto) a led luminosi che se indossato, vi avviserà di eventuali notifiche come chiamate e messaggi, oltre ad altre funzionalità molto interessanti.

Sul fronte connettività manca il chip NFC e del supporto all’LTE.

  • I Pro del TCL Idol X+ S960 sono: supporto DUAL SIM, Processore Mediatek MT6592 overclockato a 2.0Ghz, ottima qualità sonora.
  • I Contro del TCL Idol X+ S960 sono: memoria interna non espandibile, prezzo elevato, mancanza supporto all’LTE e chip NFC.

Il prezzo ufficiale del TCL Idol X+ S960 è di circa 300 euro.

 

iOcean X7S 

L’iOcean X7S Elite Edition è il nuovo smartphone octa-core della iOcean che ha mantenuto le caratteristiche del top di gamma dell’iOcean X7, uno dei primi smartphone quad-core cinese.

Display da 5 pollici con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel) e una densità di 441ppi, l’iOcean ha una tecnologia OGS (One Glass Solution) creato dalla Sharp, con uno spessore a 8.5mm ed un peso di circa 150gr. Il processore è un octa-core MT6592 ed è clockato a 1.7Ghz con memoria interna da 16 GB e uno slot per la microSD con possibilità di espandere la memoria di ulteriori 32GB. La batteria di soli 2000mAh non dà molte garanzie sulla capacità di resistenza di autonomia dell’Ocean X7S.

 

iOcean X7S

 

Per quanto riguarda la fotocamera posteriore, l’iOcean X7S presenta sensori da 13 megapixel con apertura f/2.2 e 5 megapixel per la fotocamera anteriore. Sul fronte connettività, come la maggior parte degli smartphone cinesi, anche l’iOcean X7S è dual SIM ed è utilizzabile in Italia grazie al supporto delle frequenze a 850MHz, 900MHz, 1800MHz e 1900MHz in 2G e 2100MHz/850MHz in 3G.

La versione Android montata è la Jelly Bean, 4.2.2, per uno smartphone uscito in Cina a fine gennario 2014.

  • I Pro dell’iOcean X7S sono: processore octa-core (ottimo per il gaming e la multimedialità), modello affidabile e allineato ai più alti standard degli smartphone cinesi.
  • I Contro dell’iOcean X7S sono: l’autonomia della batteria non garantisce un’autonomia prolungata, qualità costruttiva non eccellente.

Il prezzo ufficiale dell’iOcean X7S è di circa 265 euro

 

Newman K2S

La Newman sta entrando prepotentemente nella cerchia dei produttori di smartphone cinesi Android, e sebbene sia meno conosciuta del Thl e di Zopo si sta imponendo grazie all’eccellente comparto tecnico e ad una buona affidabilità.

Il Newman K2S è il nuovo smartphone octa-core dell’azienda cinese Newman ed è dotato di un processore Mediatek MT6592 a 1.7Ghz con GPU Mali-450MP. Al Chip octa-core si aggiunge anche 2GB di RAM e 32GB di memoria interna espandibile attraverso microSD (fino a 64GB).

Il display è di 5.5 pollici ed ha una risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel) con tecnologia IPS e densità di pixel di 400ppi. Per quanto riguarda il comparto fotografico: la fotocamera posteriore ha un sensore da 13 megapixel con flash LD e autofocus, quella anteriore un sensore da 5 megapixel.

 

Newman K2S

 

Il Newman K2S è uno smartphone cinese dual SIM con supporto alle reti GSM e WCDMA a 2100Mhz. Assenti l’LTE e l’NFC.

Il vero vantaggio di questo smartphone cinese con Android 4.2 JB, è la dotazione di una batteria da 3000mAh che però ha un notevole impatto sul peso che raggiunge i 250gr per uno spessore di 9.8mm.

  • I Pro dello Newman K2S sono: processore octa-core, batteria da 3000mAh.
  • I Contro dello Newman K2S sono: peso e spessore eccessivi, assenza all’LTE e l’NFC.

Il prezzo ufficiale dello Newman K2S è tra i 260 e i 300 euro.

 

ThL T100S

Top di gamma dell’azienda cinese Thl, il Thl T100S è il primo smartphone octa-core con processore Mediatek MT6592 a 1.7Ghz, denominato anche T100S IranMan. Display da 5 pollici con Gorilla Glass ha un peso di 141 grammi con batteria inclusa. La tecnologia OGS e la risoluzione 1920 x 1080 pixel Full HD con densità di pixel di 480dpi offrono il massimo livello di dettaglio.

IL ThL T100S ha una memoria RAM di 2GB e ben 32 GB di memoria interna espandibili attraverso microSD. La connettività include il supporto dual SIM di cui una in GSM e l’altra in WCDMA (alle frequenze di 850/900/1800/1900Mhz in GSM e 850/1900/2100Mhz in WCDMA), Bluetooth 4.0, il GPS, OTG e infine l’NFC per il trasferimento tra dispositivi tramite contatto.

 

ThL T100S

 

Per quanto riguarda il comparto fotografico: la fotocamera posteriore di produzione Sony ha 13 megapixel, mentre quella frontale, con capacità di registrazione Full HD, ha sempre 13 megapixel e rappresenta il punto di forza della T100S.

Il T100S monta Android 4.2.2 senza nessuna personalizzazione ed ha una batteria da 2300mAh.

  • I Pro del ThL T100S sono: solidità e ottima potenza hardware, fotocamera anteriore da 13 megapixel, supporta l’NFC
  • I Contro del ThL T100S sono: ottimizzazione della ROM da migliorare e autonomia della batteria migliorabile.

Il prezzo del ThL T100S IronMan è di 320-370 euro.

 

Conclusioni

Per tutti gli smartphone cinesi Android ti consigliamo di fare attenzione alle frequenze 3G/UMTS supportate. Guarda sempre se il modello che ti interessa supporta la rete WCDMA 2100Mhz, in questo modo non avrai problemi con gli operatori TIM, Vodafone e Wind. Per quanto riguarda H3G, privilegia gli smartphone octa-core, poiché sono in grado di supportare la rete WCDMA 900/2100Mhz o WCDMA 900/1900/2100MHz.

Per risparmiare notevolmente ti consigliamo i migliori negozi cinesi dove acquistare gli smartphone sopra descritti: i più conosciuti sono:

Prima di acquistare uno smartphone cinese ricorda di valutare l’affidabilità del venditore, di considerare le spese di spedizione e i dazi doganali. Cerca di pagare via PayPal o con carta di credito ricaricabile.

Per la garanzia, difficilmente riuscirai ad usufruirne.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.