I migliori sistemi audio: caratteristiche e funzionalità

0 Condivisioni

I sistemi audio Hi Fi continuano a rimanere delle risorse importanti, anche perché oggi disponiamo di sistemi che riescono a garantire una certa performance. Rispetto agli altoparlanti wireless, gli Hi Fi tradizionali hanno un volume e una potenza anche maggiore. Infatti i watt che sfruttano sono molti di più e questo garantisce una più importante distinzione del suono. Con i sistemi audio Hi Fi abbiamo la possibilità di distinguere in maniera molto chiara il suono dei vari strumenti, anche quando abbiamo la necessità di alzare il volume. Ma quale scegliere fra i sistemi audio Hi Fi per ottenere un suono perfetto? Ti diamo alcune indicazioni a questo proposito.

Le caratteristiche dei sistemi audio Hi Fi

Se hai la necessità di organizzare un evento, puoi usufruire del noleggio di Service Audio Roma. Puoi trovare dei sistemi con ottime caratteristiche, che indubbiamente devi sempre tenere in considerazione ogni volta che scegli un sistema audio che possa fare al caso tuo. Tieni conto per esempio della potenza, che indica quanto più in alto puoi arrivare con il volume.

Tieni in considerazione anche altri elementi importanti, come la connettività e le funzionalità aggiuntive. Per esempio una di queste è il surround. Di solito le tecnologie aggiuntive servono anche a migliorare la qualità del suono durante l’ascolto della musica.

Molto importante è anche la qualità dell’audio, che indica il risultato finale che si può ottenere grazie al contributo di moltissimi parametri, come le frequenze basse, quelle medie e quelle alte.

I migliori impianti audio Hi Fi

Fra i migliori impianti audio Hi Fi sicuramente troviamo Yamaha Micro B020. È un modello appunto, come dice lo stesso nome, micro, che è molto piccolo, compatto, però allo stesso tempo molto potente. È piuttosto performante e funzionale.

Da non trascurare nemmeno i 300 watt di potenza che ti garantisce il sistema Panasonic SC-UX100E-K. Ha una potenza a dir poco spettacolare. Ti offre dei bassi e delle frequenze ben distinguibili anche senza ricorrere all’equalizzazione. Può essere collegato a qualsiasi dispositivo.

Inoltre non possiamo fare a meno di nominare, tra i migliori impianti audio, il Denon N-10BK CEOL, che è fra i più completi impianti audio Hi Fi universali con moltissime funzionalità molto utili.

Questo modello lo puoi utilizzare anche per guardare film e serie televisive. Infatti dispone anche di un lettore CD e un attacco per la TV ed ha anche la connettività Bluetooth per poter essere collegato ad uno smartphone.

Da ricordare anche LG CM 2760, che è veramente molto elegante e adatto anche agli ambienti più moderni. Ha delle dimensioni molto compatte, per cui utilizzandolo non darai mai l’idea di poter ingombrare gli spazi. Questo dispositivo può essere controllato anche tramite comandi con il semplice tocco e può leggere anche i CD audio. È possibile con esso distinguere sempre bene gli strumenti e la voce, che vengono riprodotti con un’ottica realistica, assolutamente priva di qualsiasi distorsione.

Il ruolo delle luci

Perché un evento possa riuscire al meglio, oltre agli impianti audio, è molto importante tutto ciò che riguarda le luci. Ma non si tratta di semplici luci per l’illuminazione, visto che un evento può veramente beneficiare degli impianti di illuminazione scenica e scenografica, che sfruttano le tecnologie di ultima generazione.

Non possiamo dimenticare la funzione importante svolta dai proiettori motorizzati a scarica e a LED, per rendere ancora più appariscente l’ambientazione di un evento organizzato.

Di grande rilevanza possono essere anche i sistemi di illuminazione per proiettare scritte e fotografie sulla facciata degli edifici, ma anche gli allestimenti luminosi per i matrimoni o per le feste, con l’obiettivo di realizzare delle location a 360 gradi. Il contesto in cui è ambientato un evento è sempre molto importante.

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli