Graziano Pellè goal e amore oltre il confine con Viky

0 Condivisioni

Dopo il goal  in Malta-Italia, il centravanti Graziano Pellè, neo azzurro, è diventato il personaggio sportivo del momento, e con lui ha acquisito notorietà nelle copertine delle riviste gossip anche la sua bellissima fidanzata Viky Varga.

Il bomber pugliese dopo aver disputato campionati appena sufficienti in italia nelle file di Lecce, Catania, Cesena e Sampdoria è esploso a suon di goal fuori dai confini nazionali prima in Olanda nell’Az Alkmaar e nel Feyenoord e poi in Inghilterra nelle file del Southampton, tanto da guadagnarsi il soprannome di ‘The italian goalmachine‘.

Pellè e Viki Varga

Quello che invece è meno noto agli appassionati di calcio è l’altra vena “realizzativa” di Pellè quella che lo ha fatto spopolare tra le tifose olandesi, le quali gli hanno affibbiato il soprannome di ‘The italian stallion‘ che poco ha a che vedere con le sue imprese in campo.

Graziano Pellè al Southampton

Ora però il cuore di Pellè è occupato dalla modella Viky Varga, che ha dato al ragazzo serenità, infatti lui ha risposto con prestazioni super in campo e forse anche fuori. Per chi non la conoscesse, la fidanzata di Graziano Pellè è una modella ungherese, apparsa qualche volta in tv, ma soprattutto sulle passerelle e copertine di riviste di moda. Belli, bravi e al centro dell’attenzione mediatica: Graziano Pellè e Viky Varga sono proprio la coppia del momento! Sui social la coppia spopola, certo non siamo ai livelli di Balotelli e Fanny nè di Wanda ed Icardi ma il web sembra gradire.

Guarda la FotoGallery

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.