Gli ultimi istanti di vita di Amy Winehouse

0 Condivisioni

Prima di morire Amy, chiusa nella sua stanza stava guardando i suoi video musicali su YouTube. La cosa strana era che non glielo avevo mai visto fare prima, anzi non era una sua abitudine“.

Con queste parole la guardia del corpo di Amy Winehouse, Andrew Morris ha descritto gli ultimi istanti di vita della cantante inglese, scomparsa il 23 luglio 2011, durante l’ultima udienza che ha confermato la morte per alcool della cantante.

Amy Winehouse e Andrew Morris

Morris ha raccontato al Giudice che i due erano come “fratello e sorella” e che nell’ultima notte prima di morire, lui e la cantante erano soli nella casa di lei a Londra. Amy avrebbe poi chiesto a Morris di ordinarle del cibo indiano per andare poi a mangiarselo da sola nella sua stanza.

Al mattino Morris è andato a controllare se Amy fosse sveglia, per ben due volte, vedendola nel letto immobile e con la stessa posizione di qualche ora prima si era insospettito e tastandole il polso aveva capito che per lei non c’era più nulla da fare. Accanto al suo letto tante bottiglie vuote di vodka che sicuramente con il tempo avrebbero segnato la sua morte.

Amy era riuscita ad uscire dalla dipendenza della droga ma a quanto pare aveva poi trovato conforto nell’alcool per finire nell’autodistruzione ed entrare a far parte del famoso Club 27 inaugurato nel 1969 con la morte di Brian Jones e a seguire con quelle di Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison e Kurt Cobain.

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.