Nel 2013 potremo utilizzare gli smartphone e i tablet come Pos

0 Condivisioni

Il 2013 sarà l’anno del boom delle transazioni di acquisto via smartphone. I pagamenti via smartphone e tablet sono in grande ascesa. Il sistema NFC (Near Field Communication) sfrutta un chip integrato nel telefono e la connessione wireless permettendo di effettuare un pagamento avvicinando lo smartphone al terminale Pos abilitato.

L’80% degli smartphone, nel 2013, sarà dotato di modulo NFC e i Pos compatibili entreranno in 150 mila negozi. La nuova tecnologia dovrà lottare ed estirpare il contante, il quale provoca evasione fiscale e corruzione. Non a caso Samsung e Visa si sono accordate per lanciare l’app VisapayWave su tutti i dispositivi Galaxy mentre PayPass di Mastercard debutterà il mese prossimo in USA, Australia e Canada consentendo di pagare sia con i chip NFC che con i codici QR.

NFC negli smartphone

Negli ultimi mesi sono saliti alla ribalta anche Sumup e Jusp, due sistemi che trasformano lo smartphone in carta di credito. Il primo fornisce il prodotto gratis e prende 2,75 euro a transazione, cinque centesimi in più dell’italiano Jusp che chiede 39 euro per il lettore. Entrambi si collegano alla presa audio del telefono, sono compatibili con Android e iOS e sono sicuri grazie ai sistema di crittografia.

Nel frattempo la multinazionale McDonald’s sarà la prima ad offrire l’opportunità di ricaricare velocemente i propri dispositivi mobili semplicemente appoggiando il telefono nella postazione QI (Tecnologia per alimentazione wireless).

Insomma prepariamoci ad un altro anno ricco di tecnologia e di rivoluzione delle abitudini quotidiane.

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.