Fa un selfie con John Travolta senza parrucchino

0 Condivisioni

Si chiama Leone Lewis e non avrebbe mai potuto credere che alle 3 di notte nella palestra che frequenta avrebbe incontrato un mito del cinema come John Travolta.

John Travolta parrucchino

L’attore, in evidente stato di relax si è fatto scattare un selfie in cui appare senza parrucchino o toupè, poi pubblicato da Leone su Reddit.

Nella foto si mostra stempiato e senza capelli in modo molto disinvolto. A quanto pare sembra che sia stato lo stesso John Travolta ad avvicinarsi a Leone Lewis per presentarsi, in una palestra completamente desolata.

John Travolta pelato

L’attore americano, che negli ultimi anni ha vissuto un brutto periodo dopo la morte, nel 2009, del figlio autistico Jett (morì battendo la testa nella vasca del bagno), sta purtroppo collezionando film flop e ha sicuramente perso lo smalto che aveva nei film che lo hanno reso celebre e idolo di tutti gli adolescenti e non solo, come Grease e la Febbre del Sabato Sera (Saturday Night Fever).

L’attore da poco sessantenne ama ancora oggi scherzare sulle sue doti di ballerino: “Ogni volta che sento “Stayin’ Alive” dei Bee Gees, un sorriso mi si stampa sulla faccia ma poi vengo colto da un timore, che la gente intorno a me pretenda di farmi ballare“.

Ballo o non ballo, toupè o non toupè, speriamo comunque di vederlo al più presto recitare in un film capace di mettere in mostra il suo vero talento di attore.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.