E’ morto Ettore Scola, maestro e cantore del cinema italiano

Si è spento all’età di 84 il regista Ettore Scola, l’ultimo maestro e cantore del cinema italiano. E’ morto ieri notte dopo che già nel 2011 aveva annunciato il suo ritiro dal mondo del cinema.

Mente lucida e geniale, Scola è l’indimenticabile registra di film come “C’eravamo tanto amati” del 1974, “Una giornata particolare” del 1977 e “La famiglia” del 1987.

Ettore Scola

L’esordio alla regia era avvenuto nel 1964 ed il primo successo arrivò dopo quattro anni con “Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?“. Da lì in poi inizierà una lunga collaborazione con l’attore Alberto Sordi, con il quale girò anche i capolavori: “La più bella serata della mia vita“, “I nuovi mostri” e “Romanzo di un giovane povero“.

Oltre ad Alberto Sordi, Scola ha lavorato con Sophia Loren e Marcello Mastroianni in “Una giornata particolare“, con Ugo Tognazzi ne “La Terrazza“, con Vittorio Gassman ne “La famiglia“, con Massimo Troisi, Sergio Castellitto, Diego Abatantuono e tanti altri.

Molti i premi ricevuti: nel 1977 ha ricevuto sei David di Donatello e quattro nomination al Premio Oscar per il miglior film straniero con: “Una giornata particolare” (1977), “I nuovi mostri” (1978), “Ballando ballando” (1983), “La famiglia” (1987).

Una giornata particolare

Con Ettore Scola scompare un protagonista del cinema italiano. La cultura e lo spettacolo mondiali perdono un grande maestro che ha raccontato, con acume e sensibilità straordinari, vicende, personaggi e periodi della nostra storia contemporanea“. È quanto dichiara il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, esprimendo il suo “profondo cordoglio” ai familiari del regista.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *