E adesso la pubblicità

0 Condivisioni

Ricordo che da piccolo, i miei genitori erano sempre impegnati, e così per farmi stare tranquillo mi piazzavano davanti alla Televisione; ed io passavo ore ed ore davanti alla TV, finchè un giorno decisi di accenderla, e quella scoperta che per me sembrava l’inizio di una nuova era, in realtà fu per me l’origine di tutti i miei problemi.

Da allora cominciai a vedere tutto quello che passava per l’etere e soprattutto a riempirmi gli occhi degli spot pubblicitari, purtroppo proprio allora, inconsapevolmente,  nacque la mia ossessione per le pubblicità.

All’inizio i personaggi delle pubblicità erano dei miti, ma poi lentamente ho cominciato a vederli completamente rovinati; prendiamo ad esempio Kaori, la bella giapponesina della Philadelphia, quella poveretta appena arrivata in Italia e messo piede all’aeroporto,  non aveva ancora recuperato i bagagli che già fu prelevata dallo staff della Philadelphia; usata come cavia da laboratorio gli hanno somministrato prima: Philadelphia, poi Philadelphia Light, poi Philadelphia alle carote, infine Philadelphia alle verdure con tutte le altre schifezze che sono riusciti ad inventare, così quella poverina è tornata in Giappone con il colesterolo a 2000 e cinque, è diventata obesa e, si è iscritta direttamente ad un corso di Sumo.

philadelphia - E adesso la pubblicità

Un’altra completamente rovinata è la Vecchietta dell’Ace; io non voglio malignare sulle persone anziane perché non sta bene, ci vuole rispetto; però mi sono sempre chiesto: tu sta vecchia la inviti a pranzo e si strappa la tovaglia; la inviti a cena e si strappa il grembiule; la porti in giardino pensando che li non farà danni e strappa la tovaglia quella stesa, io dico ma portasse sfiga sta cazzo di vecchia, non la invitare più. Che poi questa vecchietta ormai era marchiata, dicevano che portava sfiga, la evitavano, la trattavano tutti male, io ricordo un anno in un camping c’era una vecchia che passeggiava; ad un certo punto passa vicino ad un signore che montava la tenda e STRAAAPP , si strappa la tenda, allora lei lo guarda e gli dice: “Tu sbagli candeggio” lui la riguarda e gli dice: “No sei tu che sbagli campeggio vaffanculo all’ospizio”.

vecchietta ace - E adesso la pubblicità

E così per l’overdose  di TV, passavo la mia infanzia con incubi diversi dagli altri bimbi che sognavano mostri e streghe; io invece sognavo i nani del giardino che venivano a cagarmi in cameretta, oppure  che venivo rapito da Ambrogio adescandomi con i Ferrero Rochet , o ancora che non riuscivo a scacciare l’omino bianco da dentro le mutande, con comprensibili traumi infantili.

ambrogio - E adesso la pubblicità

Anche i rapporti familiari erano influenzati dagli spot, una sera mio padre tornò a casa e io gli dissi :”Papà, mamma ha un amico” e lui tranquillo “Si lo so è Svelto” ed io “Papà sarà pure Svelto ma so due ore che stanno a letto!”. A scuola le cose non andavano meglio in 4^ elementare presi 3 in scienze perché a domanda quale è il pesce più veloce del mondo risposi: il tonno insuperabile.

svelto6 - E adesso la pubblicità                     tonno - E adesso la pubblicità

Crescevo, anche i rapporti con le donne erano problematici per colpa dei nomi dei profilattici, nomi assurdi come Settebello, che poi io uscivo la sera con il Settebello e rientravo con il 2 di picche; altro nome che mi creava problemi era Sento, ma come puoi chiamare un profilattico Sento? Allora lo fai apposta per mettermi in difficoltà? Ricordo la prima volta con la mia ragazza io timidissimo mi infilai sotto le lenzuola e dissi : “Amore Sento?” e lei: “Beato a te io ancora non sento niente”.

Intanto negli anni 90 la mia televisione, sempre accesa, continuava a raccomandarsi con noi giovani e diceva quando uscite ragazzi fate l’amore sicuro, io invece la domanda che mi ponevo sempre era: ma quando esco è sicuro che faccio l’amore?…………..ma di questo e degli altri problemi della mia adolescenza parleremo nei prossimi episodi.

image articolo i preservativi su misura migliorano il sesso sicuro - E adesso la pubblicità

 

Ogni riferimento a fatti o persone,detersivi, profilattici , anziani , è puramente casuale, tutto nasce dalla fantasia dell’autore di cui sono tutti i diritti d’autore ai sensi dell’Art. 2575 del codice civile http://www.studiolegale-online.net/diritto_informatica_09.php


By DoctorsTrucco



0 Condivisioni

DoctorsTrucco

Angelo Grasso alias DoctorsTrucco, ha svolto per anni l’attività di cabarettista nel duo DoctorsTrucco esibendosi presso i più svariati locali d’Italia. In questo sito si occuperà della sezione Cabaret regalandoci delle verie e proprie pillole di comicità e di risate a crepapelle (garantito) e, grazie alle sue capacità innate, della sezione Fantacalcio (nel suo palmares Fantagazzetta ci sono già 4 premi).

DoctorsTrucco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.