Delitto di via Poma: Cassazione conferma l’assoluzione di Busco

0 Condivisioni

Resta un delitto senza colpevoli“, queste le parole del legale della famiglia Cesaroni al termine della sentenza che ha visto la Cassazione confermare la sentenza di secondo grado con cui Raniero Busco è stato assolto il 27 aprile 2012.

Raniero Busco Assolto

Un delitto che dopo 24 anni rimarrà irrisolto. L’assassino di Simonetta Cesaroni, uccisa con 29 pugnalate il 7 agosto 1990 all’età di 21 anni, è ancora oggi libero.

Delusi dalla sentenza i familiari di Simonetta e il loro legale Federica Mondani: “Siamo molto delusi. Resta un delitto senza colpevoli. Ma restiamo convinti che c’erano elementi importanti contro Busco“.

Per Raniero Busco finisce un incubo durato tre anni:

  • viene giudicato colpevole e condannato a 24 anni, nel processo di primo grado, il 26 gennaio 2011;
  • assolto dalla Corte di Assise di Appello di Roma il 27 aprile 2012 per non aver commesso il fatto;
  • assolto dalla Cassazione che ha rigettato il ricorso e confermato la sentenza di secondo grado.

Contro l’assoluzione dell’imputato ha fatto ricorso la Procura generale.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.