Dal 4 luglio 2016 arriva la nuova Carta d’Identità

0 Condivisioni

L’attuale Carta d’Identità va in pensione, dal 4 luglio 2016 arriverà la nuova Carta d’Identità in formato elettronico, come reso noto dalla circolare n. 10/2016 del Ministero dell’Interno.

Segui Informarea su Telegram

La nuova Cie potrà essere richiesta dal cittadino al proprio Comune di residenza o di dimora nei casi di smarrimento, furto, deterioramento o primo rilascio. Oltre ad essere uno strumento di identificazione del cittadino, sarà anche un documento di viaggio in tutti i Paesi della Comunità Europea e in quelli in cui l’Italia ha accordi specifici.

Inoltre tale carta conterrà la possibilità per il cittadino di indicare il consenso o il diniego alla donazione degli organi in caso di morte.

La nuova Carta d'Identità

Per l’emissione della nuova Carta d’Identità, i Comuni hanno costituito delle postazioni di lavoro informatiche per acquisire i dati del cittadino e per rilasciarla entro sei giorni lavorativi presso l’indirizzo indicato dal cittadino all’atto della richiesta.

Il pagamento per la richiesta della Carta d’Identità elettronica è di circa 22€. 

Fino al prossimo 4 luglio, le carte d’Identità rilasciate in formato cartaceo ed elettronico manterranno la loro validità fino alla scadenza.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.