Dal 3 novembre stesso intestatario per patente e carta di circolazione

0 Condivisioni

Dal 3 novembre stesso intestatario per patente e carta di cirolazione: chi guida per più di 30 giorni una vettura non intestata a suo nome dovrà cambiare il nome nella carta di circolazione per farlo coincidere con quello della patente, pena una multa da 705 euro ed il ritiro della carta di circolazione.

libretto di circolazione

La nuova norma interesserà le società di autonoleggio, i veicoli in comodato, quelli di proprietà di minorenni non emancipati ed interdetti, quelli messi a disposizione della pubblica amministrazione e consentirà di individuare più facilmente le intestazioni fittizie ed i responsabili delle infrazioni.

La registrazione su libretto di circolazione andrà fatta alla Motorizzazione (sportelli del Dipartimento dei Trasporti). Sulla carta di circolazione dovrà essere indicato il nome di chi utilizza costantemente la vettura di proprietà altrui oltre i 30 giorni, per un costo di 25 euro.

Sono esenti:

  • tutti coloro che utilizzano auto di familiari conviventi ma che hanno la stessa residenza;
  • tutti coloro che già avevano un’auto di non proprietà prima del 3 novembre (l’obbligo dell’intestazione temporanea sul libretto non è retroattiva);
  • tutti coloro che sono iscritti all’Albo autotrasportatori;
  • I taxi, i noleggi con conducente e gli autobus.

Le società che danno in comodato gratuito ai propri dipendente le vetture aziendali e per le flotte stampa potranno registrare alla Motorizzazione il nome dell’utilizzatore evitando di modificare la carta di circolazione.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!

 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

I Vostri commenti sono benvenuti!

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.