Dal 25 maggio i biglietti Atac a 1,50€

0 Condivisioni

Il 29 febbraio la Giunta Capitolina ha deliberato un aumento delle tariffe ATAC. Il biglietto cresce da 1 euro a 1 euro e mezzo. La corsa passa da 75 a 100 minuti. E a settembre tornano le tessere mensili per studenti e over 65.

Atac aumenta i biglietti

Vediamo nel dettaglio:

Il BIT, biglietto integrato a tempo, passa da un euro ad un euro e 50 centesimi, con la magra consolazione del prolungamento della validità dal momento della timbratura: da 75 a 100 minuti.

Il BIG, il biglietto integrato giornaliero, aumenta da 4 a 6 euro ed è valido fino alle 24.00 del giorno della timbratura.

Il BITI, che vale tre giorni, passa da 11 a 16,50 euro,

Il CIS, utilizzabile per sette giorni, non costerà più 16 euro, ma 24.

Il Numero Unico 0657003 dell’Agenzia Roma “Servizi per la Mobilità” è comunque a disposizione dei passeggeri 24 ore su 24 per ulteriori informazioni.

Per quanto riguarda le tessere mensili per studenti e over 65 sparisce la tessera da 18 euro diventa obbligatorio da settembre l’abbonamento da 150 euro, cifra che per le famiglie non ricche ha un peso enorme.

Aumenterà anche l’abbonamento classico che passerà da 30 a 35 euro.

Meno grave la situazione per Invalidi e Pensionati. Le agevolazioni tariffarie nei confronti di queste categorie sono state confermate uno sforzo che conferma la profonda sensibilità dell’Amministrazione e dell’azienda nei confronti delle fasce più deboli della cittadinanza.

Senza fare polemica vi ricordo soltanto gli orari della Metropolitana della capitale d’Italia (tutti i giorni dalle 5.30 fino alle 23.30.Il venerdì e il sabato prolunga fino all’1.30 di notte).

E voi cosa ne pensate?

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.