Da aprile 2015 addio al tagliando cartaceo dell’assicurazione

0 Condivisioni

Da aprile 2015 addio al tagliando cartaceo dell’assicurazione, al suo posto un chip di rilevazione.

Segui Informarea su Telegram

Tutti i conducenti di veicoli a motore su strada non saranno più obbligati a esibirlo sul parabrezza. Le Forze di polizia e i Vigili Urbani potranno controllare l’avvenuto pagamento della polizza attraverso un sistema automatizzato in grado di incrociare la lettura della targa del veicolo con l’archivio della Motorizzazione Civile.

Insomma una vera e propria rivoluzione. Ricorrere all’informatizzazione per combattere il fenomeno dell’evasione dell’RC auto resta l’unica via d’uscita.

Secondo l’ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici) nel 2012 più di 3,1 milioni di veicoli viaggiavano senza assicurazione. Una media del 7 percento sul totale dei veicoli circolanti. Media che sale al 12 percento se ci spostiamo nelle province del Sud.

L’evasore potrà essere perseguito attraverso i sistemi di rilevazione automatica delle targhe già in uso per il controllo della velocità e dell’accesso alle Zone a traffico limitato: telecamere, autovelox, Tutor.

Le foto delle targhe saranno inviate alla Motorizzazione Civile che attraverso controlli telematici incrociati tra banche dati potrà rintracciare l’evasore per avviare la procedura di sanzione.

Con l’eliminazione del tagliando cartaceo dell’assicurazione il mercato della falsificazione dei contrassegni è destinato a sparire.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Segui Informarea su Telegram

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.