Come prevenire le truffe durante lo shopping online

Come prevenire le truffe durante lo shopping online? Ecco un tutorial su come riconoscere le truffe online quando effettui acquisti su Internet.

Le truffe online sono purtroppo un problema non da poco per chi effettua acquisti utilizzando gli eCommerce o le piattaforme di annunci sul web. Per quanto un dispositivo elettronico sempre aggiornato, sia esso tablet, smartphone o personal computer, permetta di limitare i pericoli di malware e virus, in molti casi non è sufficiente per svincolarsi dalle truffe digitali.

Oggi vedremo come prevenire tali fenomeni e come proteggersi in caso di una truffa subita.

Leggi anche: Truffe telefoniche: elenco numeri pericolosi

Indice

Come prevenire truffe online e fare acquisti in sucurezza

Come prevenire le truffe durante lo shopping online

L’uso quotidiano e frenetico di Internet e le tantissime piattaforme di shopping online hanno incrementato notevolmente le frodi sul web, ma possiamo evitarle? Vediamo più nel dettaglio cosa si può concretamente fare.

Premesse

Ancor prima di analizzare i metodi per prevenire una truffa online è opportuno effettuare delle premesse. Durante il periodo del Black Friday e del Natale, cioè tra novembre e dicembre, gli utenti tendono ad acquistare di più online, incrementando le possibilità di truffe. Nel solo 2022, il 30% delle truffe inerenti agli acquisti si è verificato durante lo shopping online, dove i malintenzionati non solo hanno tentano di rubare denaro, ma anche informazioni personali degli utenti. Quindi, in questo particolare periodo dell’anno cerca di fare maggiore attenzione.

Le truffe online a cui fare attenzione

Sebbene le frodi siano quasi sempre legate agli stessi metodi, è interessante comprendere quali siano quelli a cui fare maggiore attenzione. In primis i malintenzionati creano dei negozi online falsi al fine di proporre dei prezzi estremante bassi per poi cancellare la pagina web e non inviare gli oggetti. Purtroppo, i negozi falsi utilizzano i dati personali, come le informazioni di carta di credito, e-mail e indirizzo, per venderle ad aziende di terze parti che le utilizzano per fini poco leciti.

Ai negozi falsi si aggiungono le email di phishing, cioè quei messaggi che vengono inviati tramite posta elettronica per indirizzarti verso una pagina web fraudolenta. Usualmente le e-mail indirizzano a pagine web molto simili a quelle di Poste Italiane o di altri brand come: Netflix, Disney Plus, Aruba, Agenzia delle Entrate, Google Drive, iCloud, Amazon, PayPal, ecc., per poi carpire i dati personali.

Puoi però riscontrare altre truffe nello shopping online, come quelle di falsa beneficenza o di prodotti contraffatti che sulla falsa riga dei negozi fittizi cercano di vendere prodotti scadenti. Le truffe legate agli oggetti contraffatti però usualmente consegnano realmente la merce all’utente, ma come puoi immaginare risulterà in parte o del tutto inutilizzabile.

Come riconoscere le truffe online

Ti starai chiedendo come prevenire le truffe durante lo shopping online, vero? Prima di tutto quando accedi a un sito web verifica che il portale abbia la nomenclatura “https://”
anziché “http://”, la lettera S identifica il termine Security che riduce drasticamente il rischio di intercettare le informazioni di navigazione. Inoltre leggi anche l’intero URL e cerca di scovare lettere o numeri che non c’entrano nulla con il marchio da cui vuoi acquistare. Nike0L1.com non è sicuramente il sito ufficiale Nike. Fai anche attenzione alle e-mail di phishing ed evita di cliccare su link brevi che indirizzano a un altro portale digitale o di scaricare file exe o non sicuri.

Non eseguire mai transazioni bancarie sulle reti Wi-Fi pubbliche e valuta la possibilità di creare un’email temporanea per iscriverti a un sito web che non conosci.

Oltre a questi accorgimenti dovresti anche: cercare recensioni affidabili sulla piattaforma online, accedere al sito di riferimento con password complesse, utilizzare una VPN capace di integrare strumenti avanzati per localizzare il tuo indirizzo IP in un altro Paese. Nello specifico, grazie a una VPN (Virtual Private Network) puoi crittografare la connessione e bloccare messaggi spam. Per maggiori informazioni puoi leggere la nostra guida sulle migliori VPN. Strumenti come Threat Protection ti consentono di identificare quali sono i negozi online falsi e di evitarli per i tuoi acquisti.

Per quanto concerne le password complesse puoi utilizzare un Password Manager, cioè un software di terze parti che ti consente di generare una parola chiave particolarmente lunga, che memorizzerà automaticamente nel suo database e la utilizzerà quando ne avrai bisogno. Tra i più utilizzati c’è NordPass, strumento integrato in NordVPN che ti aiuta a memorizzare e generare parole chiavi difficili da decriptare. A differenza di altri password manager questo strumento ti permette di condividere le tue password con un clic e di implementare l’autenticazione biometrica se preferisci utilizzare lo smartphone o il tablet per gli acquisti online.

Sia privati che aziende costantemente applicano questi accorgimenti, ma allo stesso tempo si affidano a programmi che possano nascondere la navigazione e creare un tunnel di protezione, proprio come la VPN. Le Virtual Private Network non sono interessanti solo per la loro capacità di filtrare messaggi spam o identificare siti falsi, ma anche per geolocalizzare il tuo dispositivo in un altro Paese e risparmiare sui costi di acquisto.

Non è raro riscontrare prezzi diversi sullo stesso store online in Italia e in Germania; localizzandoti nella nazione meno cara con una VPN potrai acquistare e risparmiare qualcosina.

Come difendersi da una truffa online

In molti casi ci si accorge delle frodi shopping online solo dopo qualche ora che è avvenuta; infatti, gli utenti nel momento in cui ricevono una o più notifiche dall’applicazione della banca comprendono che c’è un problema con le transazioni online.

Nella condizione in cui tu abbia subito una truffa online, non munendoti di NordVPN e tutti gli accorgimenti elencati in precedenza, prima di tutto contatta la tua banca e blocca le transazioni richiedendo il rimborso. Denuncia poi l’incidente alle autorità competenti, come la Polizia Postale, e traccia le comunicazioni e le transazioni avvenute per recuperare il denaro. Ti consigliamo anche di cambiare le password dei tuoi account principali e di monitorare almeno una volta a settimana il tuo conto bancario.

Prova NordVPN GRATIS per 30 giorni

Altri articoli utili

Fabrizio Cannatelli

Autore e Founder di Informarea, sono un appassionato di informatica e tecnologia da sempre. La voglia di comunicare e di condividere sul Web le mie curiosità e le mie conoscenze, mi ha spinto a lanciarmi nel progetto di questo sito. Nato un po' per gioco e un po' per passione, oggi è diventato una grande realtà.

Fabrizio Cannatelli