Come individuare il vostro Smartphone Android in caso di furto

0 Condivisioni

Avete acquistato il vostro Smartphone o Tablet con connessione 3G con sistema operativo Android e avete paura di possibili furti per il futuro? la soluzione per proteggervi c’è, non dovete fare altro che installare AVG Antivirus Free.

Questa App vi permette una notevole protezione da virus e malware e in più attiva una funzione che permette la localizzazione del vostro dispositivo mobile in caso di furto. Infatti è in grado di integrare un sistema di controllo remoto individuando la posizione del cellulare.

Avg Antivirus Free

Vediamo come fare:

Accedete al Market Android Google Play e cercate l’App Antivirus AVG, scaricatela e avviatela. Una volta aperta, premete il tasto “Menù” dello smartphone e accedete in “Antifurto”. Da qui cliccate prima su “Registrazione“, inserendo il vostro indirizzo e-mail, e subito dopo abilitate l’opzione “Servizi di localizzazione“, la quale vi permetterà di localizzare il dispositivo su Google Maps.

Fatto questo accedete dal PC al sito www.avgmobilation.com, andate nella sezione Locate your Phone e cliccate su Find out more, nella pagina successiva cliccate su AVG Antivirus Free e in Anti-theft: Locate your mobile device, cliccate sul link click here to log into the service.

Avg antifurto

Cliccate su Locate e attendete almeno 4 minuti. Il servizio potrebbe chiedervi anche il numero di telefono e l’operatore telefonico. Al termine visualizzerete su cartina la posizione del telefono.

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.